Il Giro d’Italia. Un orgoglio #madeinitaly.

Il Giro d’Italia l’ha vinto un colombiano che “si definisce mezzo italiano” (cit.), Egan Arley Bernal Gomez, e a lui vanno i complimenti di tutti gli sportivi.
È stata, soprattutto, una vittoria dell’Italia simbolo internazionale di bellezza e ripartenza della normalità.

Il ciclismo è uno sport popolare per eccellenza, viene lui a casa tua, appassiona tutti ed è trasmesso da nonno a nipoti.

Il Giro poi è proprio simbolo di italianità perché a differenza di tutte le altre manifestazioni a tappe, è storicamente legato ai centri urbani, ai borghi e alle loro tradizioni produttive.

Per questo abbiamo scelto di legare al Giro d’Italia il brand Made in Italy con un progetto tra RCS e ICE Agenzia che ha portato su tutte le 21 tappe il portale www.madeinitaly.gov.it col suo premio di tappa e tutta la promozione dei distretti produttivi locali. Un progetto che proseguirà almeno fino a Expo Dubai.

In ultimo una considerazione sul premio, il Trofeo Senza Fine che “cresce” ogni anno così come l’Amore Infinito, claim della manifestazione, non potrebbe esserci concept migliore per la 104esima edizione di quella che i ciclisti definiscono la corsa più dura nel paese più bello.

Un orgoglio farne parte.

Avanti così.

Manlio Di Stefano

Il Giro d’Italia. Un orgoglio #madeinitaly. - M5S notizie m5stelle.com