Il Covid-19 influenzerà la nostra prossima generazione?

Il Covid-19 influenzerà la nostra prossima generazione?

Di Il Blog di Beppe Grillo:

L’esposizione a Covid-19 potrebbe rappresentare un rischio per la salute e l’invecchiamento delle persone che non sono nemmeno nate, secondo un’analisi recentemente pubblicata dai ricercatori Eileen Crimmins e Caleb Finch dell’Università della California (USC) e Molly Easterlin della Keck School of Medicine.

Entro la fine del 2020, circa 300.000 bambini potrebbero nascere da madri che hanno contratto il Covid-19. Altri milioni nasceranno in famiglie che hanno vissuto un tremendo stress e sconvolgimenti a causa della pandemia anche se non hanno mai contratto la malattia.

Mentre gli effetti a lungo termine del Covid-19 sui bambini devono ancora essere visti, i ricercatori possono trovare alcune informazioni guardando al passato, tra cui l’influenza spagnola del 1918 e precedenti malattie da coronavirus come la SARS nel 2002 e la Mers nel 2012.

“La pandemia influenzale del 1918 ha avuto impatti a lungo termine sui bambini in utero, con una mortalità adulta precoce, più diabete, cardiopatia ischemica e depressione dopo i 50 anni”, ha dichiarato il professor Finch. “È possibile che la pandemia Covid-19 avrà anche impatti a lungo termine sulla coorte dei bambini in utero durante la pandemia, dall’esposizione all’infezione materna e/o dallo stress dell’ambiente pandemico”.

Le infezioni virali materne possono colpire il feto attraverso molteplici vie, dalla trasmissione diretta attraverso la placenta alle risposte infiammatorie che interferiscono con il metabolismo e influenzano negativamente la crescita. Mentre la trasmissione materno-fetale diretta del virus e gravi difetti alla nascita sembrano essere stati rari durante precedenti epidemie di coronavirus, ci sono stati aumenti nei parti prematuri e basso peso alla nascita durante i focolai di influenza sia della Sars del 2002 che del virus H1N1.

Mentre gli studi sulla relazione Covid-19/Gravidanza sono ancora nelle  fasi iniziali, ci sono già stati alcuni risultati preoccupanti che meritano uno sguardo più attento. L’aumento dei tassi di parti prematuri può essere collegato a infezioni materne da Covid-19. Altri potenziali pericoli, incluso l’aumento del rischio di coaguli di sangue presenti sia con la gravidanza che con il COVID-19 grave, necessitano di ulteriori studi.

Oltre ai rischi diretti posti dall’infezione, la pandemia ha anche aumentato i livelli di stress, disoccupazione, insicurezza alimentare e violenza domestica e ha diminuito o interrotto l’assistenza prenatale. Per questi motivi, i ricercatori suggeriscono che gli studi di coorte includano anche madri e bambini non infetti, nonché confrontino la coorte Covid-19 con i bambini nati prima o dopo la pandemia e includano varie misure socioeconomiche.

“L’inclusione di informazioni sugli stress sociali ed economici consentirà confronti tra i paesi che adottano misure diverse per ridurre la diffusione del virus”, secondo il team. “Questi tipi di confronti possono darci ulteriori approfondimenti oltre agli effetti del Covid-19, come le politiche socioeconomiche e sociali che possono ridurre il rischio di parto prematuro”.

A questo link lo studio completo dei ricercatori



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo