Il coraggio è come la felicità: è dentro di noi e va cercato

La donna che vedete al mio fianco si chiama Maura. Mi ha raccontato la sua storia: per anni è stata vittima di violenza, fisica e verbale, da parte del suo compagno.

Se Maura ora è qui accanto a me, è perché ha trovato il coraggio di riprendere in mano la sua vita, denunciando l’uomo che l’ha picchiata e umiliata anche di fronte ai suoi figli.

Mi ha raccontato di avere trovato la forza grazie a un gruppo di motociclisti, i Milites Pro Minoribus, che l’hanno aiutata a uscire dalla difficile situazione in cui si trovava. L’hanno protetta, sostenuta e le sono stati vicini sia dal punto di vista emotivo che concreto.

La notte Maura ascoltava il rumore delle moto che passavano nei pressi della sua abitazione e si sentiva meno sola in questa lotta.

Altre 18 donne si sono rivolte a lei e hanno trovato il coraggio di denunciare le violenze subite. E questo è davvero importante: quando accadono cose simili, bisogna farsi aiutare e rivolgersi alla giustizia. Bisogna denunciare.
Dobbiamo, infine, ricordarci che quello della violenza è un tema che ci riguarda tutti, donne e uomini. “Il coraggio è come la felicità: è dentro di noi e va cercato”. Sono le parole che Maura ci ha regalato. Grazie. A lei e ai suoi angeli custodi.


Virginia Raggi