I prossimi passi da fare per rafforzare il MoVimento 5 Stelle

I prossimi passi da fare per rafforzare il MoVimento 5 Stelle

Ecco cosa penso sui prossimi passi da fare per rafforzare il MoVimento 5 Stelle. Una cosa è certa, bisogna procedere uniti per continuare, con un MoVimento forte e al Governo, a riprogettare il nostro Paese.
Leggete e ditemi la vostra nei commenti…

Gli Stati Generali sono lo strumento con cui creeremo i nuovi presupposti organizzativi e tematici su cui muovere un’azione politica solida ed unitaria. Verrà data voce a tutti coloro che vogliono rafforzare il MoVimento 5 Stelle perché hanno a cuore, a tutti i livelli, le sorti del Paese. Sono certo che riusciremo a trovare come sempre una sintesi condivisa.

In quel contesto ribadirò che la regola dei due mandati rappresenta un pilastro della nostra azione politica. In dieci anni un cittadino ha tutto il tempo di dimostrare le proprie capacità e proporre soluzioni concrete per l’Italia. Esistono tanti modi, successivamente, per continuare ad offrire il proprio contributo alla comunità e sono certo che chi si è fatto riconoscere in questi anni per impegno, competenza e passione non abbia problemi a contribuire in modo altrettanto efficace alla realizzazione delle istanze che sono alla base del nostro progetto politico.

I miei puntuali contribuiti alla costruzione della piattaforma informatica Rousseau sono il segno della parola data all’atto della candidatura e rappresentano la volontà di coinvolgere sempre più persone in decisioni importanti per il nostro Paese. Sono certo che gli Stati Generali saranno un ottimo momento anche per condividere i risultati tecnologici già raggiunti e proporre nuove funzionalità capaci di aderire maggiormente ai tempi ed alle esigenze di chi oggi governa il Paese. Il nostro deve essere un sistema ibrido che possa supportare tempestivamente chi ha la responsabilità di prendere decisioni strategiche.

Non dimentichiamo mai che il sistema è aperto a tutti i cittadini italiani che hanno voglia di conoscere, valutare e valorizzare chi si propone per dare il proprio contributo all’interno delle istituzioni. Se in molti chiedono dei correttivi tesi a migliorare questo processo non vedo per quale motivo queste istanze non debbano essere oggetto di una pacata discussione.
 
Sul tema delle alleanze mi sembra che stiano emergendo versioni unidirezionali su una votazione in cui abbiamo deciso di aprire a chiunque abbia voglia di costruire progetti condivisi attraverso un percorso sano. Il MoVimento 5 Stelle non deve precludersi alcuna soluzione ma alla base ci deve essere una condivisione dei valori etici e delle azioni politiche da mettere in campo. Sono contrario a qualunque alleanza precostituita, mi auspico invece la costruzione di nuovi fronti, anche eterogenei, che collaborino seriamente per offrire risposte concrete alle esigenze dei cittadini.

A Salerno, ad esempio, stiamo dialogando con tutte quelle forze che hanno voglia di cambiamento. Vogliamo rappresentare tutti insieme le istanze di chi è stanco delle solite logiche di lottizzazione e vuole contribuire ad ammodernare la nostra città. Dopo gli Stati Generali apriremo una fase costituente cittadina per verificare chi vuole realmente far parte di questo progetto.

Si parla tanto in queste ore di un possibile cambio di assetto del MoVimento. Ad oggi propenderei anche io per una maggiore collegialità di alcune decisioni ma in tutta onestà non credo che dipenda solo dalla sostituzione del Capo Politico con un organo Collegiale. Ne parlerò comuque in totale trasparenza all’interno dei luoghi di discussione che sono appena stati attivati.

L’unica cosa su cui oggi chiedo maggiore attenzione ai miei compagni e di non sacrificare mai la solidità delle nostre istituzioni in nome delle proprie convinzioni politiche. Non emuliamo con forzature e ingenuità chi ha pensato, in tempi molto recenti, di essere più importante del benessere dei cittadini.
 
Il presidente è occupato a governare il Paese e sta portando a casa risultati eccezionali. L’intelligenza istituzionale che ha maturato insieme a tanti di noi è un patrimonio per tutti che non può essere minato dalle dinamiche interne alla nostra forza politica.

Di Battista, Di Maio e tutti coloro che hanno qualcosa da dire possono utilizzare un nuovo palco in cui proporre le loro idee per il futuro.

Le assemblee locali e nazionali, gli iscritti ed i portavoce valuteranno se alcune di queste potranno rappresentare il nucleo su cui ripartire tutti insieme.

Buona democrazia a tutti



Di Angelo Tofalo:

FONTE : Angelo Tofalo