I nostri candidati 2021 – Pasquale Andriani

Oggi vi presentiamo il nostro Pasquale Andriani

Chi Sono:
Sono nato a Molfetta (area metropolitana di Bari), frequento Pordenone da 20 anni e vi risiedo stabilmente da 10. A Pordenone sono nati mia moglie e i miei due figli. Sono un servitore in armi della nostra nazione da quasi 30 anni ed ho deciso di mettermi al servizio della comunità anche in altre vesti.

Perchè il MoVimento 5 Stelle:
Riconoscendomi in pieno nei valori del M5S, tra i quali c’è la partecipazione politica attiva della popolazione, ho ritenuto opportuno dare il mio contributo al MoVimento, non soltanto in cabina elettorale, ma anche dedicando il mio tempo e le mie energie per cercare di migliorare la vita sociale del mio Paese e della mia città.

Le mie priorità per Pordenone:
Vorrei un’amministrazione che sia più vicina alla cittadinanza, che ascolti le proposte e che sappia soprattutto ascoltare le critiche.
Voglio contribuire ad una città che sappia reagire positivamente alle difficoltà o alle crisi, riprogettandosi e ricostruendosi, cogliendo le opportunità anche dalle problematiche, rimanendo fedele a se stessa e proteggendo la sua storia.
La recente esperienza della pandemia da Coronavirus pone in primo piano questo aspetto. Una città resiliente è una città che sa generare benessere attraverso la sua economia, l’associazionismo e la partecipazione nelle aziende strategiche. Il Movimento ha dato anche su questi aspetti un determinate contributo al programma della coalizione a sostegno di Gianni Zanolin.
Inoltre, se ne avrò l’opportunità, sarà per me un onore mettere le personali competenze e conoscenze per risolvere tutte quelle problematiche tecniche in termini di sicurezza per i cittadini, che al netto degli slogan sentiti in questi anni, restano oggi ancora incredibilmente irrisolte.
Lavoreremo con la massima trasparenza sempre tenendo presente l’obiettivo primario: il benessere della cittadinanza.

https://www.facebook.com/pordenone5stelle/photos/10160000776366844



Di pordenone5stelle.it:

FONTE : pordenone5stelle.it