Grazie Luigi.

Grazie perché hai portato sulle spalle le colpe di tutti e le invidie di troppi. Grazie perché ora ci metti innanzi alle nostre responsabilità, dall’attivista al ministro, senza un capro espiatorio a disposizione. C’è veramente chi crede che sfogarsi pubblicamente abbia giovato al Movimento, al nostro progetto politico?

Nella nostra storia ci sono stati il “direttorio”, il passo di lato di Beppe, la scomparsa di Gianroberto. Ora il passo di lato è quello di Luigi, ma il passo in avanti è quello dei facilitatori, e ci obbliga a diventare grandi, se possibile ancora di più.

Ora il Movimento 5 Stelle deve affrontare quest’ultima prova di maturità, ma non lo può fare senza riconoscerti l’impegno e la dedizione che hai mostrato.

Siamo quelli delle proposte, delle politiche chiare e pratiche, degli interventi veloci e mirati.

Ora dobbiamo parlare ancor di più dei nostri risultati, perché sono tanti e stanno cambiando l’Italia. Facciamolo sapere e non fermiamoci.



Di Fabiana Dadone:

FONTE : Fabiana Dadone