Governo non ritardi stop alle auto a benzina e diesel al 2035

Non condividiamo assolutamente la proposta di far slittare di 5 anni, al 2040, lo stop alle auto a benzina e diesel (stop alla vendita di nuove auto, ovviamente, no alla circolazione), proposta che il Governo italiano intende avanzare e sostenere al Consiglio europeo del prossimo martedì 28 giugno 2022. Chiedere più tempo per la transizione verso l’elettrico sarebbe un inutile spreco di energie e quindi denaro. L’innovazione tecnologica nel mondo si sta muovendo velocemente, c’è un mercato a livello globale che è molto più avanti rispetto alla nostra produzione tecnologica. Se non riusciamo a recuperare lo svantaggio e a tenere il passo, rischiamo di perdere tutta la filiera.

Dovremmo, piuttosto, concentrare gli sforzi per accompagnare con i giusti strumenti finanziari la transizione al 2035, obiettivo proposto dalla Commissione europea nel pacchetto transizione energetica e avallato anche dal Parlamento EU. Le aziende, che oltretutto sembravano favorevoli a questo obiettivo, non possono essere lasciate sole a fare una virata così importante altrimenti rischiano di essere tagliate fuori.

Oltre agli impatti industriali, la proposta del Governo di posticipare lo stop alle auto a benzina e diesel metterebbe a rischio anche il raggiungimento degli obiettivi climatici, che l’Italia si è sempre impegnata formalmente a voler concretizzare. Le ripercussioni, in questo caso, sarebbero più violente di quelle cui assistiamo già oggi, come il grave problema della siccità di questi giorni.

LEGGI ANCHE “Emergenze climatiche, Italia appoggi il Global Peace Dividend”

Se il Governo non rivedrà la sua posizione, ci attiveremo in Parlamento e in tutte le sedi opportune affinché l’obiettivo al 2035 venga mantenuto.

Condividi:



Di Portavoce Gianni Pietro Girotto:

FONTE : Portavoce Gianni Pietro Girotto