Di Iacopo Felugo:

RIASSUNTO – Sono sbarcati dalla Prima Repubblica. Canotta della salute, pugno alzato, gridando che, loro, ce l’avevano più duro degli altri (eh già….non ci siamo! Sindrome freudiana scomodata per creare effetto speciale). Fu il.primo slogan (su quelli, vivacchiano e proliferano come le muffe, da sempre). Il loro leader, un furbo ignorante con il pelo sullo stomaco e la faccia vissuta tipica degli avvinazzati, giurava fedeltà ad Alberto da Giussano in quel di Pontida, invocando che l’ira di Federico Barbarossa si abbattesse sull’Italia dal Po in giù, liberando il Nord dai meridionali “brutti, sporchi e cattivi”. I suoi verdi seguaci, fronte “alta e spaziosa”, volti rubizzi e mento unto da sagra della cassoeula, risata sdentata, strillavano in coro “Roma ladrona”. Peccato che i loro leader facevano parte della banda del buco.
Hanno avuto come Presidente della Camera una sorta di “catechista anni 60”, con i tailleurini da “sciuretta”, il foularino intorno al collo, la messainpiega tipo parrucchiere in visita all’ospizio. Una baciapile convertita al contrario. Infatti, in puro stile Lega, che ha fatto del noto detto “la coerenza è la virtù degli imbecilli”, un vessillo sotto il quale, dei veri imbecilli cronici, vivono, intrattengono rapporti con gente del sud che non scherza e ha le mani in pasta ovunque e prendono per il culo, solo ora e per ora, il 30% degli italiani, getta alle ortiche la “tonaca da ciellina”, sposa un attraente (lei, bruttina stagionata), toy boy e si ritira dalla politica. Si compra una serie di abitini e tute fetish in lattice nero, catene e si rasa i capelli tipo lesbonazi. E va in tv dalla De Filippi. Ma non sloggia dagli uffici a Montecitorio, dove la becca Fraccaro nel suo “censimento” sugli sprechi di “affittopoli”. La signora non ci paga affitto, ma usa il lussuoso ufficio di cui era privilegiata all’epoca in cui il lattice le andava stretto, per i suoi business con i cinesi. Sì avete letto bene, i cinesi.
Poi arriva lui, Felpetta, il Ruspa, il signor “la pacchia è finita”, l’Arturo Brachetti della politica (e mi perdoni per l’accostamento il grande artista). Subisce varie metamorfosi: il ragazzone lumbard è ambizioso, ma no….diciamolo! È proprio arrivista! Dopo la colossale figura di merda fatta fare da Bossi e quel tetro figlio, due ladri, Salvini ha l’ingrato, ma ben remunerato compito, dalle poltroncine di Bruxelles, di risollevare le sorti della Lega Nord precipitata agli inferi, dove meritano di stare ladri e assassini. Per prima cosa, fa sparire “Nord”. Giusto. Con tutti i calabresi loro amici stretti, quel “Nord” non era più in tema, perbacco!
Salvini passa il tempo nelle tv e a fare tour delle città….del Nord! Sì perché dopo avere dichiarato che i siciliani sono tutti mafiosi, i napoletani puzzano e non hanno voglia di lavorare, avere invocato per iscritto che il Vesuvio e l’Etna si sveglino e, con la lava, cancellino tutto e tutti, tour da quelle parti non ne fa. E ancora una volta, c’è da annotare che il Padano ringhioso, non se la prende mai con i calabresi 🤔🤔🤔
Poi…le regionali in Sicilia. Salvini si avvinghia al suo “storico” alleato, si fa fare dallo stesso sarto un bel completo blu e adotta la camicia bianca di Renzi (un colpo al cerchio ed uno alla botte, non si sa mai nella vita, dice la mamma…) e, “stranamente” i vituperati (da Salvini) siciliani, conterranei di Dell’Utri, lo votano. Il Padano si ringalluzzisce, si sente il mondo in mano. Al Nord, la rossa Genova premia quel fagotto eternamente costipato.di Toti; al sud, grazie all’alleato, scippa la vittoria all’onesto M5S e Cancelleri. È fatta, si dicono Salvini e l’eterno pedonano mafioso!
Si va ad elezioni, con una legge di merda fatta da un partito di merda, approvata da una montagna di merda…. (la Lega, quando quel bastardo rignanese mette la fiducia sul Rosatellum, si astiene dal voto…già…come se noi fossimo tutti scemi….vili servi del sistema 😠)
E…..il resto, lo sappiamo. Lo stiamo vivendo.
Salvini porge ancora e sempre la sua mammella al nano mafioso di Arcore che ricambia coi suoi favori, protezioni e coperture mafiose. Il PD li difende con la massoneria. Perché la criminalità organizzata dovrà impedire a tutti i costi che la valanga pentastellata si abbatta implacabile sui loro trucidi e lerci affari.
Il finale? Se l'”Italian sniper” Salvini, il “cecchino” di destra e sinistra e centro, ci “mancherà”, saranno cazzi amarissimi di tutti….
Se ci centrera’, chi salverà poi il “cecchino”?
Una cosa non capisco, Salvini. Come mai la famosa frase”la pacchia è finita” per lei ed il suo partito, non vale MAI per il Caimano di Arcore? Forse perché siete solo slogan e chiacchiere?
Lunga la storia, stretta la via…..dite la vostra che io ho detto la mia…..