Gli amichetti di Salvini e i miracoli di Conte

Di Tommaso Merlo (Categoria: Attivisti):

Non un centesimo a quei pezzenti degli italiani. Prima gli olandesi. L’amichetto di Salvini vorrebbe farci fallire insieme a tutta l’Europa. Eccolo il sovranismo. Quello bigotto ma che se ne frega degli altri. Quello che vorrebbe rinchiuderci tutti dentro a qualche filo spinato. Quello che lucra sulle paure e sull’egoismo. Quello che punta allo sfascio dell’Europa per tornare al nazionalismo coi suoi ducetti di cartone. La pandemia ha placato il vento sovranista. Colpa delle paure vere che hanno scalzato quelle pompate ad arte. Colpa dei campioni sovranisti che in giro per il mondo stanno contribuendo a sterminare i loro popoli. Ma in autunno è previsto un inasprimento della crisi economica e il vento sovranista potrebbe tornare a soffiare con forza grazie all’esplosione della rabbia sociale. Una rabbia che farebbe tornare di moda i loro slogan e potrebbe ribaltare il quadro politico. In Europa come in Italia. Salvini e Meloni danno per scontata una vittoria alle regionali e la conseguente spallata al governo. Sono convinti che la crisi economica renderà più efficace il loro sciacallaggio e si stanno preparando ad un’estate di campagna elettorale furibonda. Per fermarli esiste un solo antidoto. Macinare fatti. In Europa come in Italia. Gli amichetti di Salvini non gridano certo a caso di non dare neanche un centesimo a quei pezzenti degli italiani. Un accordo tempestivo sul Recovery Fund spazzerebbe via decenni di propaganda antieuropea. Se davvero la solidarietà continentale si rivelasse decisiva per le sorti italiane, si potrebbe aprire una nuova fase storica in cui l’Europa non verrà più vista come un problema ma come l’unica soluzione in un mondo di sfide tutte globali e in cui paeselli come il nostro sono destinati a contare sempre meno. Ma per respingere il ritorno autunnale del sovranismo serve macinare fatti anche in casa nostra e per questo la maggioranza deve darsi una svegliata. Finora il collante della maggioranza è stata più la paura che altro. La paura di Salvini proiettato versi i pieni poteri. La paura della catastrofe pandemica. La paura delle sinistre di sparire dai radar. Il governo è partito col freno a mano tirato. Troppe diffidenze, troppe divergenze tra forze che il 4 marzo stavano su fronti opposti. Mesi di chiacchiere e poca ciccia. Quando poi il governo si stava rilanciando è scoppiata la pandemia. L’emergenza ha ricompattato la maggioranza e per una volta l’Italia ha dato buona prova di sé. Ma molto lo si deve a Conte. Senza di lui e il consenso che si è conquistato nel paese la maggioranza sarebbe già andata in frantumi. Ora si attende l’autunno. I sovranisti si sfregano le mani in attesa che esploda la rabbia sociale e l’unico antidoto per contenerli sono i fatti. È dimostrare concretamente in cosa consista l’alternativa politica al sovranismo. In cosa consista credere nella solidarietà, nella giustizia sociale, nell’ambiente, nei diritti civili, nel progresso. Cosa significa governare il cambiamento invece di negarlo. Non facile con una maggioranza infarcita di reduci della vecchia partitocrazia. Inguaribili egoarchi, rifiuti riciclati, idee ammuffite, poltronari e traditori assortiti. Di certo Conte da solo non può continuare a far miracoli e la maggioranza si dovrebbe dare una svegliata. Se non ci riuscisse rischiamo di resuscitare Salvini e i suoi amichetti. Quelli che vorrebbero farci fallire insieme a tutta l’Europa e blaterano di non dare neanche un centesimo a quei pezzenti degli italiani.

Tommaso Merlo



FONTE
: Tommaso Merlo