Giuseppe Conte ribalta il tavolo e ricompatta l’alleanza m5s-pd-leu

Ieri e ancora oggi, abbiamo letto e leggiamo sgangherate prese in giro di raffinati editorialisti a #GiuseppeConte per la conferenza stampa di ieri in Piazza Colonna, che sono davvero mortificante, soprattutto per loro stessi . Tutti ad infierire, ridicolizzare e a fare sarcasmo da bar per il #Tavolo dove erano posizionati i microfoni, da cui Conte ha fatto sentire la sua voce. È il caso di usare una frase (di Antonio Fasulo) che dice : “Il saggio indica il discorso di Conte. Lo stolto guarda al tavolino ” infatti mentre i soliti guardavano il tavolino, Conte ha fatto un discorso pieno di significati… Un discorso rivolto al popolo, infatti non scegliendo la sede istituzionale del palazzo e ha fatto capire che è con noi, in piazza, per strada. La scelta della location, scelta da #Conte, su consiglio di Rocco Casalino (da molti di voi tanto odiato…) non è casuale e questo fa si che si possa dire che Casalino, vi porta davvero a spasso. Non è in una sede istituzionale proprio perché è la prima volta che Conte parla da esponente politico, infatti col suo discorso Conte si è proposto come capo di una coalizione fatta da M5s, Pd e Leu.

Conte in due minuti ha sbaragliato la tavola che tanti s’erano apparecchiata, con due parole smonta il presunto “capolavoro politico di Renzi” elogiato dai giornalari in TV, ribaltando il tavolo e ricompattando l’alleanza m5s-pd-leu con un premier forte per le prossime elezioni, e riporta il M5S ad essere DECISIVO in un eventuale #GovernoDraghi!

Se si voleva dare un messaggio di vicinanza al popolo, la scelta è stata geniale. Ed i messaggi di plauso verso il Premier Conte, da parte dei cittadini che lo incoraggiano a non abbandonare la scena della politica italiana lo stanno dimostrando.

Comunque, ritornando semplicemente al tavolo usato, sappiano i denigratori che su quel tavolo c’era tanta dignità, su quel tavolo c’era il popolo onesto d’Italia, davanti a quel tavolo c’era un uomo che deve solo essere applaudito, ma ovviamente chi è abituato a stare dietro a lestofanti di ogni genere, non riusce a cogliere il significato del suo porsi.
Ripeto, ancora una volta, noi siamo con lui, che è un uomo onesto. Voi con chi siete?

Scarpello Damiano