Giuseppe Conte Premier: il MoVimento 5 Stelle lo ha difeso fino alla fine

Mario Draghi è il Presidente del Consiglio incaricato dal Capo dello Stato per formare un Governo di “alto profilo istituzionale”.
Decisione pressoché obbligata, quella del Presidente Mattarella, essendo fallito il tentativo di dar vita ad un nuovo governo politico per gli sconcertanti ricatti del senatore Renzi.

Di questi giorni serrati di trattative mi rimane l’amarezza per il non essere riusciti a riconfermare Giuseppe Conte
come Premier: il MoVimento 5 Stelle lo ha difeso fino alla fine, come unico credibile garante di un accordo con le altre forze di maggioranza, coerentemente con quanto abbiamo sostenuto sin da marzo 2018.

Rifiuto categoricamente, però, la narrazione della “sconfitta”. Volendo liberarsi di noi, Matteo Renzi non si é accorto di averci fatto in realtà un grande regalo: concederci tempo.

Se il Governo Draghi si formerà senza l’appoggio né la compartecipazione del MoVimento 5 Stelle, come auspico, guadagneremo il tempo che ci serve a riorganizzarci, a ridefinire gli organi decisionali interni, a strutturarci sui territori, che devono essere il punto di partenza e di arrivo del nostro agire politico, a riaffermare con ritrovata forza la nostra identità e visione di lungo periodo per il Paese. Da ogni situazione difficile può nascere un’opportunità, purché ci si dimostri in grado di coglierla.
Noi ci siamo assunti finora la responsabilità di essere forza di Governo, con oneri e onori che da tale decisione discendono, pagandone anche il prezzo in termini di consenso perché non era quello il fine ultimo delle nostre azioni.

Rivendico tutto quanto abbiamo fatto in questi tre anni, ma credo che adesso la “responsabilità” che dobbiamo percepire sia un’altra: quella di rispettare il mandato conferitoci dagli elettori. E tale mandato, ne sono certa anche dopo essermi confrontata con tanti di voi in questi giorni, non comprendeva il sostegno ad un governo tecnico con tutti dentro, ancor più se guidato da un uomo nel cui prestigiosissimo curriculum si rinvengono anche pagine che narrano del suo ruolo nel default greco o nelle grandi crisi bancarie italiane.

Vi aggiornerò presto e vi abbraccio tutti/e. ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Rosa Menga