Gianroberto Casaleggio: Parsifal e la ricerca del significato

Gianroberto Casaleggio: Parsifal e la ricerca del significato

Internet è una rivoluzione. Non un semplice prodotto che può aiutarci a vivere meglio la vita di sempre o a lavorare meglio nello stile di sempre. No. Internet deve, necessariamente, portare ad una vera e propria trasformazione radicale delle aziende, dei prodotti, delle relazioni umane e aziendali… Altrimenti il suo senso ne risulterà travisato e inespresso.

È questa, come scrive Renato Mannheimer nella prefazione di “Il web è morto, viva il web” (Pro Sources, 2001), l’idea forte che ispirava Gianroberto Casaleggio, che nel libro propone spunti di riflessione, lancia provocazioni forti, a volte moniti. Come a dire: attenti! Perché nella rivoluzione bisogna inserirsi con anticipo e con una presa di coscienza forte. Il cambiamento deve essere affrontato per tempo e nella convinzione che a cambiare non sarà solo la superficie, ma la sostanza delle cose.

Proprio per questo vogliamo regalarvi alcuni stralci di “Il web è morto, viva il web”. E per ricordare parte di quel pensiero, di quelle idee che lo hanno portato a fondare il MoVimento 5 Stelle e il suo cuore pulsante: il Progetto Rousseau.


Qual è la direzione? Quale il senso della vita lavorativa? La nostra professione assorbe la maggior parte del tempo, la miglior parte del tempo: la giovinezza e la maturità. A fare cosa? E per quale motivo? Guidati da quale significato?

L’avvento della produzione industriale ha reso queste domande abituali per le persone. La ripetizione, la spersonalizzazione e il profitto, considerato valore fondamentale, sono normali nelle aziende e nelle fabbriche.

Si lavora per mangiare, per guadagnare di più, per carriera, per recitare un ruolo sociale, per potere. Tutti motivi in parte comprensibili, in particolare il mangiare, ma è veramente tutto qui? 35 anni moltiplicati per 200 giorni per 8 ore meritano di più.

Quanti lavorano per realizzare se stessi? Quanti si accorgono delle loro potenzialità? Quanti, entrando in ufficio o in fabbrica, hanno la sensazione di fare la cosa giusta, di esercitare una scelta non dettata dal bisogno o da una rinuncia a priori?

È stupefacente il numero delle persone che tirano letteralmente a campare convinte che sia giusto così, “Del resto è così“, direbbe Enrico Bertolino.

Il lavoro come obbligo, come dipendenza diventa una condizione umana simile all’autoipnosi, un sogno permanente dal quale è meglio non svegliarsi. Non si sa mai.

Il tempo, l’unica reale ricchezza di cui disponiamo, è sprecato, banalizzato, utilizzato come se fosse una risorsa infinita. Spesso il tempo lavorativo è visto come una gabbia temporale in cui le persone sono autorizzate a non pensare, a non esistere. II cartellino è la chiave della gabbia. Poi, finalmente, il tempo libero, visto come oasi, fuga dal lavoro, ma in fondo da esso totalmente dipendente.

Replichiamo gli ambienti di lavoro anche in vacanza. Courmayeur e Rimini sono rese sempre più simili alle città in cui lavoriamo. E spesso ci incontriamo pure i colleghi.

A fine agosto, tornando in ufficio dalla Bretagna, sono stato infastidito dalla ripetitività delle frasi che dovevo sentire: “Finite le vacanze? – Sì, purtroppo – Io non me le ricordo neanche più – Adesso dobbiamo aspettare l’anno prossimo – Siamo di nuovo qui- Si stava meglio prima!”

Un mantra ripetuto per esorcizzare il rientro. Ma nessuno ci obbliga ad accettare una condizione di dipendenza. Se non esprimiamo noi stessi, la colpa non può essere addebitata al sistema. Noi siamo i responsabili.

Wasteland è il nome dato dai Celti alla terra senza vita, piena di desolazione che divenne, per un certo periodo, l’Inghilterra al tempo di Re Artù. La Britannia sembrava preda di un sortilegio. Merlino convinse Artù che per sciogliere l’incantesimo si doveva ritrovare il Graal. II cavaliere puro di cuore inviato a cercarlo fu Parsifal. Ma cosa doveva cercare? All’inizio lo ignorava e solo quando comprese il reale significato della ricerca, Wasteland cessò di esistere.

II Graal ha avuto molte interpretazioni: piatto in cui Gesù consumò l’agnello pasquale, pietra magica, corno dell’abbondanza, calice dell’Eucaristia, calderone celtico della vita, la conoscenza assoluta e altre ancora. Probabilmente è la ricerca del significato della nostra esistenza.

Wasteland è la nostra vita in assenza di significato. “To waste” in lingua inglese vuoi dire guastare, distruggere, sprecare, dissipare. Quello che quotidianamente facciamo in assenza di una ragione superiore per le nostre azioni.

Quella ragione superiore che nel nostro lavoro dovrebbe essere la volontà di migliorare, di creare, di generare positività. A chi scuotesse la testa suggerisco di provare a cambiare e di usare la sua immaginazione senza porsi dei limiti a priori. Ad applicare ed esercitare la sua volontà.

Significato, volontà e immaginazione sono tre potenti talismani che chiunque possiede, di solito sono latenti, ma sono lì, a nostra completa disposizione. Con essi si può creare una nuova realtà che non sembrava possibile.

Non è forse così che sono successe tutte le cose importanti nella Storia con la esse maiuscola e anche nella nostra vita quotidiana? Con un significato, l’immaginazione e la volontà?

Usiamo i nostri talismani, dissolviamo il sortilegio di Wasteland.



Di Il Blog delle Stelle:

FONTE : Il Blog delle Stelle

Leggi anche

I facilitatori regionali del Team del Futuro: Fabio Selleri – Emilia-Romagna

I facilitatori regionali del Team del Futuro: Fabio Selleri – Emilia-Romagna

Con questa rubrica settimanale vogliamo farvi conoscere l’impegno e l’attività sul territorio dei facilitatori regionali ... Continua a leggere...