Fedez e Giuseppe Conte due grandi e scusate se è poco.

Scusate, su Fedez vs Conte faccio una riflessione un pochino lunga e probabilmente imperfetta e incompleta, lo spazio social è comunque limitato e potrei ancora argomentare con altri aspetti ma mi dilungherei più di quanto già non abbia fatto…ve la propongo.

Fedez mi piace e quando parla dice cose che solitamente approvo.

Devo ammettere che anche io, quando vedo le piazze stracolme di gente per il nostro Presidente Conte, penso a tutta quella gente ammassata e al virus che “potrebbe” circolare se ci fossero specialmente non vaccinati. Però sinceramente, quasi tutte (dico quasi perchè la totalità purtroppo non c’è e la perfezione non esiste), dicevo quasi tutte le persone presenti hanno la mascherina. Quindi il rischio di contagio non è zero ma non è nemmeno alto, considerando anche che la stragrande maggioranza degli italiani è vaccinata e quindi ha probabilità molto inferiori di contagiarsi e contagiare.

E ci può stare che un artista si ponga la domanda critica, chiedendo perché invece i concerti sono ancora a capienza ridotta.
Però bisogna fare dei distinguo: bisogna valutare se parliamo di concerti all’aperto o al chiuso, il numero di partecipanti e la durata stessa di un concerto che generalmente dura non meno di un’ora e mezza o due, quindi decisamente più di un intervento politico di mezz’ora o anche meno.

Certo, voi direte che bastano anche pochi minuti per contagiare qualcuno, e questo è pure vero, ma chiaramente più tempo si sta in un luogo affollato e maggiori probabilità si hanno di contagiarsi se qualcuno fosse positivo senza saperlo.
Quello che però non mi è piaciuto di Fedez, è la frase volgare “fate caxare”, usata al plurale maiestatis perché rivolta ai governanti e politici, quando al contempo faceva vedere solo e unicamente le foto dei comizi affollati di Giuseppe Conte.
Premetto che per mia scelta non guardo i comizi di altri leader politici, suppongo però che quando i leghisti o i meloniani vanno in giro avranno pure loro dei supporters, meno di Conte (😊) ma li avranno.

Quindi avrei sicuramente gradito che la polemica o meglio la questione sollevata da Fedez (che comprendo) fosse partita da esempi di comizi di leader di varie forze politiche e non soltanto di Conte.

Il quale Conte, da uomo intelligente quale è, ha subito risposto a Fedez nel modo signorile che sempre lo contraddistingue e Fedez, a sua volta, con tono stavolta più pacato, ha nuovamente risposto dicendo che avrebbe gradito una replica rivolta non necessariamente a lui ma in generale a tutta la categoria di artisti che si sentono presi in giro.

Però Fedez dovrebbe sapere che, uno, al governo adesso c’è un altro presidente del consiglio, e soprattutto che non si può negare il fatto che ai concerti pop rock ecc, i fan urlanti e festosi difficilmente tengono la mascherina per tutto il concerto, trascinati dall’euforia e vogliosi di cantare insieme al loro beniamino. Quindi un problema di alto rischio c’è ed è maggiore rispetto ai comizi (che, comunque, non sono totalmente esenti da rischi nemmeno loro, ripeto).
Perciò che si fa? Non è semplice trovare una quadra.

Sicuramente Fedez voleva evidenziare che gli sembra ci siano due pesi e due misure a seconda che si tratti di comizi o di concerti, ma la questione non può ridursi ad un attacco quasi personale mostrando solo i comizi di Conte e dicendo “fate caxare”…rivolto a chi??

Fedez e Chiara sono seguitissimi. Influencer nel vero senso della parola. Anche quando sollevano questioni di rilievo, non dovrebbero banalizzarle. Ma lui è un ragazzo intelligente e dovrebbe apprezzare che Conte, rispondendogli quasi subito, da gran persona quale è, ha dimostrato che non volta mai le spalle a nessuno. Peccato però che già da mesi, non sia Conte il nostro Presidente del Consiglio.

A proposito di Premier, ecco, se magari Fedez avesse mostrato qualche mese fa le immagini dell’attuale premier, quando ha permesso i festeggiamenti per la vittoria della nazionale, umanamente comprensibili ma decisamente rischiosi, ricevendo pure i calciatori con tutti gli onori mentre erano scortati da una miriade di tifosi in strada anche senza mascherina, che il drago ha tollerato senza battere ciglio e appresso a lui quasi tutta la stampa, forse il tutto avrebbe avuto più senso.

P. S. La stessa polemica sollevata da Fedez ma cavalcata dai malpancisti pseudogrillini è sinceramente misera.

P. S. 2. Il succo della discussione è che Giuseppe Conte si conferma uomo di grande sensibilità ed empatia con i cittadini italiani di ogni regione, che vanno a conoscerlo in massa, anche di questi tempi, lo stimano, lo applaudono e ascoltano con interesse i suoi sempre ottimi interventi, magari anche abbracciando con entusiasmo il nuovo progetto del MoVimento 5 Stelle. Scusate se è poco.

Claudia Cucuccio