Farnesina e Ministero della Difesa firmano nuovo accordo per emissione tessere elettroniche

ROMA, 14 APRILE – Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il Ministero della Difesa hanno firmato oggi alla Farnesina un nuovo accordo di collaborazione per la fornitura di tessere modello AT elettronico (ATe). L’intesa rinnova e amplia la collaborazione tra i due Ministeri avviata nel 2016 che ha consentito l’emissione per il personale della Farnesina di oltre 4.500 carte ATe, un documento di identità digitale (Carta Nazionale dei Servizi) che consente di accedere ai servizi in rete della Pubblica Amministrazione, di firmare documenti elettronici, di gestire gli accessi alle infrastrutture e di ottenere le credenziali SPID. L’accordo si inserisce nel quadro della cooperazione istituzionale tra Pubbliche Amministrazioni nel settore dell’innovazione tecnologica e della transizione digitale.

Il testo è stato sottoscritto, per il MAECI, dal Direttore Generale per l’Amministrazione, l’Informatica e le Comunicazioni Nicandro Cascardi e dall’Ispettrice Generale Natalia Quintavalle e, per il Ministero della Difesa, dal Generale D.A. Enrico Degni, Capo del VI Reparto dello Stato Maggiore della Difesa.

“L’accordo con il Ministero della Difesa si inserisce nel percorso di innovazione digitale avviato dalla Farnesina per essere sempre più all’altezza delle sfide poste dalle nuove tecnologie”, ha sottolineato il Segretario Generale del MAECI, Amb. Ettore Francesco Sequi, che ha preso parte alla cerimonia di firma.

Nell’occasione, il Gen. Degni ha voluto evidenziare il ruolo della Difesa a sostegno del percorso di innovazione digitale nell’ambito della Pubblica Amministrazione, precisando che “il MAECI è stato tra i primi a sottoscrivere un accordo per la fornitura del modello ATe, a cui poi sono seguiti gli accordi sottoscritti con il Ministero degli Interni e Polizia dello Stato, Corte dei Conti, Agenzia per l’Italia Digitale, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Agenzia per la coesione territoriale, Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e altre P.A. in corso di definizione”



Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

FONTE : Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale