Estrema sintesi di cosa abbiamo fatto in 5 anni

Non mi sarei mai avventurato nel fare una sintesi. Io e le sintesi non andiamo molto d’accordo e riassumere 5 anni di lavoro mi richiederebbe tomi enciclopedici.

Ma ho dovuto farlo per la tribuna elettorale. 120 secondi in tutto per raccontare cosa abbiamo fatto nel mandato e guardare al futuro… ecco cosa ho detto in quella che per me era una vera impresa (quasi) impossibile

<<

Nei 5 anni di questo mandato, ma anche nei 5 anni precedenti, abbiamo promosso l’idea di una città Solidale che incentivi e agevoli le relazioni tra cittadini, dove ognuno possa trovare reti di supporto per superare momenti di difficoltà. Quindi potenziamento dei servizi sociali, attenzione ai diritti di tutti e accessibilità universale per una città a misure di bambino e attenta alle persone con disabilità insomma dove tutti possano dare compimento al proprio progetto di vita.

Abbiamo lavorato tantissimo sui diritti dei lavoratori e sulla dignità del lavoro soprattutto in appalti e subappalti e per questi ultimi abbiamo sempre chiesto con forza massima trasparenza per contrastare l’illegalità.

Poi il nostro tema identitario: l’ambiente e l’emergenza climatica. Quindi promozione e difesa delle aree verdi (ricordo per esempio la difesa dei prati di Caprara), la mobilità che è strettamente legata all’ambiente: una mobilità sostenibile, pubblica e rispettosa degli spazi pedonali e di socialità della città.

Trasversale a tutto il nostro lavoro c’è sempre stata la Cultura e l’Arte: Bologna è una città bellissima riconosciuta nel mondo per la sua bellezza e la sua arte (città creativa della musica Unesco, Portici patrimonio dell’umanità Unesco). Pertanto abbiamo promosso educazione alla musicalità, teatralità e altre forme d’arte fin dalla scuola per crescere cittadini che possano apprezzare appieno la città nella quale hanno la fortuna di vivere. Poi difesa e promozione del teatro Comunale per portare eventi nelle strade e nelle piazze (anche per combattere il degrado), difesa della cultura e delle tradizioni popolari di cui Bologna è ricca.

Insomma abbiamo incalzato l’attuale maggioranza sui temi propri della sinistra anche quando, per esempio durante l’era renziana oggi conclusa, se ne discostava.

A Bologna è stata quindi una scelta naturale e di continuità aderire al nuovo progetto politico lanciato da Giuseppe Conte, persona straordinaria che tanto ha fatto per il bene del nostro paese. Giuseppe Conte ha eredito quel grande movimento di popolo che è il Movimento 5 Stelle e lo ha traghettato nell’area del centro sinistra. Ripartiamo quindi a lavorare su questi stessi temi all’interno di una coalizione con un sistema valoriale di riferimento chiaro. E’ importante che il progetto politico di Giuseppe Conte abbia un peso rilevante dentro alla coalizione per poter collaborare ed essere da sprone alla realizzazione del programma in cui abbiamo fatto inserire proprio quei punti a cui abbiamo lavorato in questi 5, o meglio 10, anni.

>>



Di Movimento 5 Stelle Bologna:

FONTE : Movimento 5 Stelle Bologna