Essere primi a tendere la mano nel Paese alle famiglie in difficoltà

In questi giorni è stato sottolineato che non siamo più la prima forza politica in Parlamento. Direi che essere i “primi” nel Palazzo non è tutto. Per me l’importante è essere i primi a tendere la mano nel Paese alle famiglie in difficoltà, ai giovani precari, a chi lotta contro l’inquinamento nella propria città, alle imprese che non vogliono chiudere i battenti nei loro territori. Avanti Movimento, vicino a chi non conta, a chi non ha voce. A chi rimane agli altri “invisibile”.