Diffusione senza consenso di foto esplicite: reclusioni da 6 mesi a 3 anni

di Claudio Cominardi

NON E’ SOLO VIOLAZIONE DELLA PRIVACY

La diffusione su larga scala (e senza consenso) di immagini o video che ritraggono altre persone in atti erotici e sessuali è una violenza. Un sopruso che in alcuni casi ha condotto le vittime al suicidio.
Queste le proposte principali del disegno di legge #M5S che oggi in Commissione Giustizia al Senato ha iniziato il suo iter:

– Reclusione da 6 mesi a 3 anni (fino a 10 anni in caso di morte della vittima) per chi, senza il consenso della persona interessata, pubblica o contribuisce alla diffusione di immagini sessualmente esplicite;

– Regole più stringenti per siti internet e social media, che dovranno provvedere in tempi strettissimi all’oscuramente, alla rimozione o al blocco di video e immagini esplicite diffuse senza consenso;

– Sanzioni anche per chi diffonde immagini o video già virali;

– Sostegno ad azioni di educazione, prevenzione e sensibilizzazione nelle scuole, anche mediante la formazione del personale scolastico perché se punire è importante lo è altrettanto educare.

Potrebbe interessarti anche: