Deutsche Bank LA BANCA CON IL BUCO ATTORNO

Di Raphael Raduzzi:

In questi giorni si fa un gran parlare dei titoli di stato e delle sofferenze delle nostre banche nazionali.

Eppure, come abbiamo visto dagli esiti degli stress test EBA, le banche europee che stanno peggio non sono assolutamente quelle italiane, che anzi escono molto bene dalla valutazione.

Questo perchè per la prima volta si è posta una minima luce, ancora insufficiente, su quei titoli illiquidi di livello 2 e 3 che rappresentano i miliardi di derivati tossici in pancia alle grandi banche del nord europa. Strumenti che non avendo mercato, molto spesso hanno un prezzo giudicato in base ai modelli degli stessi istituti che li hanno in pancia.

Chi esce peggio dagli stress test EBA è, ancora una volta, Deutsche Bank, il più grande Istituto di credito tedesco con oltre 26 miliardi di fatturato, che nello scenario avverso si ritroverebbe con un coefficiente patrimoniale CET1 di appena l’8.1%.

Ma i problemi per Deutsche sembrano non finire mai e oggi si scopre che s’intrecciano con losche vicende di un altro istituto di credito danese, Danske Bank che ‘avrebbe infatti operato illecitamente – con una maxi operazione di riciclaggio dal valore di oltre 200 miliardi di dollari – tramite la propria sede estone a Tallin in un periodo compreso tra il 2007 ed il 2015’.

Quest’oggi, il parlamento danese ha convocato a testimoniare l’ex manager della divisione trading a Tallin, Howard Wilkinson, che ha reso noto il coinvolgimento nel caso di riciclaggio di una “grande banca europea”.

‘Immediato è stato il collegamento delle autorità con la filiale statunitense di Deutsche Bank che, se così fosse, avrebbe gestito 150 miliardi di fondi sospetti, finiti poi nelle casse estoni di Danske Bank.’

E così oggi Deutsche Bank tocca il minimo storico a poco più di 8 euro per azione, ben al di sotto della soglia ritenuta estremamente critica dei 9 euro..

Mi aiutate a condividere?

#DeutscheBank #Banche

FONTI:

https://www.bancaditalia.it/
https://www.ig.com/