Democratizzare l’innovazione

Democratizzare l’innovazione

Di Il Blog di Beppe Grillo:

di Dani Rodrik, da Project Syndicate – L’innovazione è il motore che guida le economie contemporanee. Il tenore di vita è determinato dalla crescita della produttività, che a sua volta dipende dall’introduzione e dalla diffusione di nuove tecnologie che consentono di produrre una varietà sempre più ampia di beni e servizi con sempre meno risorse del nostro pianeta.

I politici e cittadini in generale comprendono l’importanza dell’innovazione. Ciò che è meno valutato è il modo in cui l’agenda dell’innovazione è stata occupata da gruppi ristretti di investitori e aziende i cui valori e interessi non riflettono necessariamente le esigenze della società.

Nelle economie avanzate odierne, le imprese private svolgono la maggior parte delle attività di ricerca e sviluppo. La quota del settore imprenditoriale sulla spesa totale in ricerca e sviluppo varia dal 60% a Singapore al 78% in Corea del Sud, con gli Stati Uniti più vicini alla fascia più alta, al 72%. Ma è il settore pubblico che fornisce le infrastrutture sociali, legali ed educative essenziali che sostengono la ricerca/sviluppo privata.

L’innovazione nel settore privato dipende in modo cruciale dal finanziamento statale della scienza di base e dei laboratori di ricerca. Si avvale di talenti scientifici formati nelle università, sostenuti da fondi pubblici. Lo stato fornisce agli innovatori diritti di monopolio attraverso il sistema dei brevetti e garantisce l’appropriazione privata dei rendimenti alla ricerca e sviluppo attraverso il diritto del lavoro e dei contratti. Non ultimo, la ricerca/sviluppo privata è fortemente sovvenzionata dallo Stato attraverso crediti d’imposta e altre politiche.

Come società, dovremmo preoccuparci non solo di quanta innovazione venga prodotta, ma anche dei tipi di nuove tecnologie che vengono sviluppate. Dobbiamo assicurarci di investire in tecnologie che siano sicure, rispettose dell’ambiente, che diano potere piuttosto che sostituire semplicemente il lavoro umano, e che siano coerenti con i valori democratici e i diritti umani. La direzione del cambiamento tecnologico non è fissa o determinata dall’esterno del sistema sociale ed economico. Invece, il cambiamento è modellato da incentivi, valori e distribuzione del potere.

Nonostante il forte coinvolgimento dello stato nel sostenere l’innovazione, i governi in genere prestano poca attenzione alla direzione che il cambiamento tecnologico prende nelle mani dei privati. Ma le priorità delle aziende private spesso le portano a sotto-investire in tecnologie che hanno ritorni significativi a lungo termine, come quelle che riducono i cambiamenti climatici, o a prestare un’attenzione non adeguata ai diritti umani o alle implicazioni sulla privacy delle innovazioni digitali. Le aziende farmaceutiche, ad esempio, cercano ritorni in medicinali ad alto prezzo per malattie rare che colpiscono le economie avanzate, invece di vaccini per malattie tropicali che colpiscono milioni di paesi poveri.

Inoltre, le aziende tendono a investire eccessivamente nell’automazione per aumentare il ritorno di capitale e manager, a scapito dei dipendenti. Come hanno notato gli economisti Daron Acemoglu e Pascual Restrepo, ciò potrebbe portare a “tecnologie così così” che producono pochi vantaggi di produttività complessiva, lasciando i lavoratori in condizioni peggiori.

La comune fissazione con l’automazione può portare fuori strada gli investitori più intelligenti. Nel 2016, Elon Musk ha annunciato che il Modello 3 di Tesla sarebbe stato costruito in una nuova fabbrica di automobili completamente automatizzata, che avrebbe funzionato a velocità superiori di quanto fosse possibile per gli esseri umani. Due anni dopo, i piani sono falliti e le gravi impasse nel nuovo stabilimento hanno reso chiaro che la produzione effettiva sarebbe stata molto al di sotto degli obiettivi dell’azienda. Musk è stato costretto a creare una nuova catena di montaggio con tanti lavoratori umani . “Gli esseri umani sono sottovalutati”, ha ammesso poi su Twitter

Le priorità degli innovatori sono naturalmente plasmate dal loro ambiente culturale e sociale. In un recente articolo, il professore della Harvard Business School Josh Lerner e Ramana Nanda hanno quantificato quanto distanti possano essere i loro valori e le loro priorità da quelli della gente comune.

Negli Stati Uniti, il capitale di rischio (venture capital) gioca un ruolo sproporzionato nel finanziamento dell’innovazione da parte delle startup. L’industria del capitale di rischio è altamente concentrata, con il 5% più alto degli investitori che rappresentano il 50% del capitale raccolto.

Tre regioni , la San Francisco Bay Area, la Greater New York e la Greater Boston, rappresentano circa i due terzi del settore e oltre il 90% dei membri del consiglio di amministrazione delle principali aziende. L’influenza delle principali società di venture capital va anche oltre, perché spesso agiscono come gatekeeper per altri investitori.

Il background sociale ed educativo di coloro che prendono le decisioni di investimento è altrettanto omogeneo. Lerner e Nanda riferiscono che tre quarti dei partner con almeno un seggio nel consiglio delle migliori società di venture capital hanno frequentato un’università della Ivy League, Caltech, MIT o Stanford. Quasi un terzo è laureato in due sole business school (Harvard e Stanford). Sarebbe sorprendente se le decisioni di finanziamento prese non fossero influenzate dalla composizione sociale del gruppo. Lerner e Nanda suggeriscono che la concentrazione geografica delle imprese di venture capital potrebbe aver contribuito allo “svuotamento” delle attività innovative in altre parti del paese. “Le società di venture capital con sede in altre città”, sostengono, “potrebbero aver scelto aziende molto diverse in cui investire, date le loro prospettive sulle loro economie locali”.

Priorità distorte prevalgono anche nei programmi di innovazione pubblica. Il più grande programma singolo a supporto dell’innovazione high-tech negli Stati Uniti è la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), che come indica il nome, è orientata verso applicazioni militari. Sebbene molti progetti DARPA abbiano prodotto anche vantaggi per i civili (non ultimi Internet e GPS), le priorità dell’agenzia sono chiaramente definite da considerazioni inerenti alla difesa.

La controparte delle tecnologie energetiche pulite di DARPA, l’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata-Energia (ARPA-E), ha appena un decimo del budget. Forse la più grande omissione è che nessun governo attualmente ha programmi dedicati specificamente al finanziamento dello sviluppo di tecnologie favorevoli al lavoro.

Se l’innovazione tecnologica deve servire la società, la direzione che prende deve riflettere le priorità sociali. I governi hanno eluso la loro responsabilità qui, a causa della convinzione diffusa che sia difficile alterare il corso della tecnologia. Ma non abbiamo provato abbastanza per orientare la tecnologia nella giusta direzione. L’innovazione è troppo importante per essere lasciata agli innovatori.

Dani Rodrik, professore di economia politica internazionale presso la John F. Kennedy School of Government dell’Università di Harvard. 



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo