DECRETORILANCIO: AIUTI PER 55 MILIARDI A FAMIGLIE, LAVORATORI E IMPRESE

DECRETORILANCIO: AIUTI PER 55 MILIARDI A FAMIGLIE, LAVORATORI E IMPRESE

Con il Decreto Rilancio, approvato in Consiglio dei ministri, destiniamo 55 miliardi a favore di famiglie, lavoratori e imprese affinché questa fase di ripartenza possa concretizzarsi in una prospettiva di ripresa economica e sociale.

Tra i provvedimenti previsti, vi è la proroga della cassa integrazione per ulteriori 9 settimane e, grazie all’accordo sottoscritto con le Regioni, la Cig in deroga verrà gestita direttamente dall’#Inps al fine di snellire e velocizzare le attuali procedure.

Oltre a ciò sono state rinnovate le indennità di 600 euro già previste dal #CuraItalia, aumentandole a 1000 euro come nei casi di partite Iva, co.co.co e lavoratori stagionali del turismo che per l’emergenza #Coronavirus hanno subito una riduzione del reddito di almeno il 33% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ed estendendole anche ad altri settori.

Potranno nuovamente beneficiare di 500 euro anche i lavoratori agricoli: per fronteggiare la mancanza di manodopera in agricoltura, oltre all’accordo raggiunto sugli stagionali, i percettori di ammortizzatori sociali, Naspi, Dis-coll e i beneficiari del #RedditodiCittadinanza potranno sottoscrivere contratti di lavoro agricolo senza perdere il diritto al beneficio.

Con il #RedditodiEmergenza, sono poi previsti fino a 800 euro per i nuclei che hanno al loro interno parenti disabili o non autosufficienti, oltre alla proroga dei congedi parentali (ulteriori 15 giorni di cui potranno usufruire entrami i genitori) e quella del bonus babysitter da spendere anche per i servizi all’infanzia e l’iscrizione ai centri estivi. Inoltre, c’è il riconoscimento di ulteriori 12 giornate di permessi 104 per i mesi di maggio e giugno per lavoratori disabili e coloro che assistono persone disabili, oltre che 100 milioni per incrementare il Fondo del Terzo settore per sostenere le organizzazioni di volontariato e promozione sociale.

Oltre alla proroga dello stop ai licenziamenti per altri 3 mesi, è stata inserita nel decreto anche una misura grazie alla quale le imprese potranno destinare delle ore di lavoro alla formazione dei lavoratori, che saranno pagate dallo Stato (compresi i contributi previdenziali e assistenziali) grazie ad un apposito “Fondo formazione” finanziato con 230 milioni di euro: sempre alle aziende, saranno poi indirizzate risorse da utilizzare, ad esempio, per l’acquisto di dispositivi e apparecchiature di distanziamento e sanificazione favorendo l’attuazione del protocollo sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sottoscritto nei mesi scorsi da Governo e parti sociali.

Infine, per contrastare la diffusione del contagio, abbiamo previsto che i lavoratori dipendenti del settore privato, con almeno un figlio minore di 14 anni, abbiano diritto al lavoro agile.

Con questo provvedimento andiamo ad aiutare concretamente chi oggi è senza sostegno e continueremo a lavorare per supportare le famiglie e tutte le categorie produttive maggiormente colpite dalla crisi.

L’articolo DECRETORILANCIO: AIUTI PER 55 MILIARDI A FAMIGLIE, LAVORATORI E IMPRESE sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini