Dal commissario Vestager segnali positivi sulla concorrenza leale. Noi non molliamo

di Davide Crippa e Gianluca Perilli, capigruppo del  MoVimento 5 Stelle di Camera e Senato


Pochi giorni fa, con il sostegno dei nostri colleghi in commissione Finanze, Attività Produttive e Politiche Europee, abbiamo inviato una lettera alla commissaria europea per la concorrenza  Margrethe Vestager.

L’obiettivo della lettera era di sollecitare l’Unione ad un impegno concreto per tutelare la libera e leale concorrenza tra imprese, principio fondamentale della comunità europea.

L’Unione, infatti, è un mercato unico fondato sulla libertà di movimento delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali. Un’emergenza sanitaria ed economica come quella che stiamo vivendo rischia di creare distorsioni profonde se ogni Paese gestisce chiusure e riaperture delle attività produttive in modo scoordinato rispetto agli altri membri della comunità. L’Italia, in particolare, potrebbe pagare un ingiusto e ulteriore prezzo economico perché è stata colpita con particolare intensità dal coronavirus e ha dovuto procedere a restrizioni radicali e prolungate.

Ciò che serve prima di tutto è un coordinamento a livello comunitario. Una regia che consenta agli Stati di informare l’Unione circa i modi e i tempi delle riaperture ispirandosi a delle linee guida europee.

Siamo contenti di constatare che pochi giorni dopo la nostra lettera l’Unione si muova nella direzione giusta, con la pubblicazione di una comunicazione della Commissione e del Consiglio Europeo contenente la tabella di marcia europea delle misure di contenimento del coronavirus, che sollecita gli Stati a coordinarsi per evitare “frizioni politiche” sia in ambito sanitario che economico.

In particolare, a pagina 5 del documento si legge:

“Gli interventi dovrebbero essere coordinati tra gli Stati membri: il mancato coordinamento nella revoca delle misure restrittive rischia di avere ripercussioni negative per tutti gli Stati membri e di creare frizioni politiche. Benché non vi sia un approccio universalmente valido, prima di annunciare la revoca delle misure *ciascuno Stato membro dovrebbe come minimo informare in tempo utile gli altri Stati membri e la Commissione tramite il comitato per la sicurezza sanitaria e tenere presenti le opinioni espresse*. La comunicazione e la discussione dovrebbero svolgersi nel contesto dei dispositivi integrati per la risposta politica alle crisi”.

E anche nelle conclusioni del documento si torna sul tema, specificando che:

“Più la transizione sarà coordinata a livello dell’UE, più si eviteranno ripercussioni negative tra gli Stati membri e più l’applicazione delle misure nei diversi Stati membri creerà sinergie virtuose. Gli orientamenti dell’UE terranno conto dell’andamento dell’emergenza sanitaria e *degli effetti sul mercato unico*”.

È un primo importante passo per evitare che qualche impresa possa sfruttare le misure restrittive più morbide del Paese nel quale opera per accentrare l’offerta di beni o servizi, espellendo dal mercato imprese solide ma colpite dalle chiusure. Sarebbe un danno per tutti, a partire dai consumatori europei. Come noto, infatti, una concentrazione eccessiva dell’offerta produce crescita dei prezzi finali e diminuzione degli investimenti produttivi. Il contrario di ciò che serve all’Italia e all’Unione Europea, soprattutto in un momento come questo.

Teniamo gli occhi aperti e accogliamo con favore questo primo segnale positivo da parte delle istituzioni europee.

L’articolo Dal commissario Vestager segnali positivi sulla concorrenza leale. Noi non molliamo proviene da Il Blog delle Stelle.



Di Il Blog delle Stelle:

FONTE : Il Blog delle Stelle