Cose da sapere sul legno, sul suo smaltimento e riciclaggio

Smaltire correttamente il legno e trattarlo come materia preziosa

Nell’età della pietra le comunità di persone usavano il legno in molti modi diversi. Invece, oggi lo usiamo principalmente sotto forma di legno da costruzione, mobili, carta, cartone o altri prodotti in legno. Nell’Unione Europea il legno è, subito dopo il petrolio greggio, la seconda importazione più importante.

Gli italiani consumano in media 20 milioni di tonnellate di legno all’anno. Ovviamente, questo comportamento dei consumatori ha delle evidenti conseguenze. Dunque, sebbene il legno sia una materia prima rinnovabile, potrebbe presto scarseggiare. Gli esperti hanno calcolato che tra il 2016 e il 2025 verrà utilizzato più legno di quanto possa ricrescere in natura. Il riciclaggio efficiente dei rifiuti e del legno fresco è quindi di fondamentale importanza per la protezione della natura e del clima.

Smaltire correttamente il legno di scarto e il suo riciclo ottimizzato

In Italia il legno da rifiuti ingombranti gioca un altro ruolo importante con milioni di tonnellate di rifiuti creati. Inoltre, anche il legno da imballaggio rappresenta un ulteriore problema. Poi esiste un ulteriore problema con gli scarti tra legno industriale, legno proveniente dalla cernita di altri rifiuti o anche residui di legno della foresta e del paesaggio. Se vuoi sapere ulteriori informazioni scopri di più sul sito della Sandei S.r.l. presente sulle provincie di Modena, Bologna e Parma.

Ci sono fondamentalmente due modi per reinserire il legno di scarto nel ciclo economico: l’utilizzo energetico e quello materiale. L’utilizzo energetico genera calore e/o elettricità bruciando legno di scarto in centrali termiche a biomassa o centrali elettriche a biomassa. nel caso dell’utilizzo di materiale, il legno di scarto viene effettivamente riciclato come materiale: generalmente nell’industria del legno per la produzione di pannelli truciolari o anche come modanature in legno compresso (pallet di legno compresso).

Il grado di riciclaggio del legno dipende dalle sostanze chimiche con cui è stato trattato e dalla quantità di tali sostanze chimiche applicata. I rifiuti di legno dovrebbero suddividere il legno di scarto in quattro categorie: legno non trattato, incollato, rivestito e trattato. Il legno di scarto della categoria I è naturale e può essere facilmente riciclato. Il legno di scarto della categoria IV viene trattato con conservanti per legno in modo che il riciclaggio possa essere effettuato solo termicamente in speciali centrali elettriche a biomasse approvate. Pertanto, a loro volta, i vettori energetici fossili come carbone, petrolio o gas vengono sostituiti.

Smaltire trucioli di legno, segatura, trucioli di legno, pacciame di corteccia/copertura di appezzamenti

I trucioli di legno raccolti si dividono in due categorie, da un lato il cippato di legname e dall’altro il materiale paesaggistico. I trucioli di legno delle segherie hanno la più alta qualità dei due. Vengono raccolti dalle segherie e come tali possono essere separati in modo pulito in base al tipo di legno. Poi, a seconda delle esigenze si possono ricavare da legno di latifoglie o conifere con o senza corteccia. Dunque, grazie a processi di produzione coerenti, si può garantire una qualità costante del cippato.

Il riscaldamento con il legno e come tale la sostituzione dei combustibili fossili come petrolio, carbone o gas sta acquisendo da anni un’importanza crescente per il nostro clima ed è preferito per il raggiungimento degli obiettivi di conservazione.

Oltre ai trucioli di legno, nelle segherie vengono accumulati altri sottoprodotti come segature e trucioli di legno. Questi sono utilizzati nell’industria del legno per la produzione di pannelli truciolari e pannelli di fibra a media densità. Un’altra opzione per l’uso è la produzione di pellet. I trucioli di legno sono ottimi come lettiera per gli animali. Assorbono l’umidità e forniscono uno strato asciutto del letto.

Smaltire pacciame di corteccia e/o copertura del terreno

Il pacciame di corteccia viene spesso utilizzato nei giardini domestici per proteggere il terreno del giardino e allo stesso tempo per ottenere un bell’aspetto. Protegge il terreno dall’essiccamento e fornisce una protezione naturale contro le erbe infestanti. Questo tipo di pacciame è prodotto da corteccia naturale senza prodotti chimici ed è anche un sottoprodotto delle falegnamerie. La maggior parte è costituita da legno di conifere come abete rosso e pino.



Di Press Report:

FONTE : Press Report