Continuità territoriale. Campo (M5S): Effetti positivi già ad una settimana dall’entrata in vigore. Tutte le compagnie iniziano ad abbassare i prezzi per volare in Sicilia

Continuità territoriale. Campo (M5S): Effetti positivi già ad una settimana dall’entrata in vigore. Tutte le compagnie iniziano ad abbassare i prezzi per volare in Sicilia

“Quando manca una settimana esatta dall’entrata in vigore della continuità territoriale per la Sicilia da e per gli aeroporti di Comiso e Trapani, sono già ben visibili gli effetti positivi di quella che sarà la prima vera rivoluzione della mobilità per la Sicilia messa a segno dal governo Conte. Infatti le tariffe calmierate delle compagnie che si sono aggiudicate il bando ed estese non solo ai residenti nell’Isola, stanno già avendo effetto di far abbassare le tariffe delle altre compagnie che volano da e per la Sicilia”.

A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Stefania Campo a proposito del regime di continuità territoriale messo a segno dal governo Conte che entrerà in vigore il primo dicembre da e per gli aeroporti di Trapani e Comiso.

“Tra pochi giorni – spiega Stefania Campo – coglieremo finalmente i risultati di un lavoro imponente portato avanti da istituzioni nazionali e regionali, da soggetti privati e pubblici, da amministratori che hanno lavorato alle procedure, alle gare e quant’altro, riuscendo a destinare e ad accantonare, ben 46 milioni di euro. Il tutto per far sì che quando l’emergenza sanitaria sarà finita e il lockdown sarà magari solo un tristissimo ricordo, i siciliani, residenti e non, potranno ricominciare a viaggiare per lavoro, salute e studio, potendo usufruire di una importante leva sociale ed economica, ovvero, di tariffe standard, al di là di qualsiasi corretta o impropria oscillazione dei prezzi di mercato, per voli aerei da e per la Sicilia. Pagando sempre lo stesso identico prezzo, a Natale come a Pasqua, durante la stagione estiva come in qualsiasi altro periodo dell’anno”- conclude la deputata.




Di sicilia5stelle:

FONTE : sicilia5stelle