Comunicato Stampa – COOPERA 2022

Si è conclusa COOPERA, la Seconda Conferenza nazionale della Cooperazione allo Sviluppo tenutasi a Roma il 23 e 24 giugno 2022 presso l’Auditorium della Conciliazione.

La Conferenza, convocata ogni tre anni dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per favorire la partecipazione dei cittadini nella definizione delle politiche di cooperazione allo sviluppo, è stata co-organizzata dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del MAECI insieme all’Agenzia Italiana della Cooperazione allo Sviluppo.

La Conferenza è stata aperta il 23 mattina dall’intervento inaugurale del Presidente della Repubblica, cui è seguito il saluto di apertura del Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin e l’intervento del Ministro Di Maio. A seguire, gli interventi della Commissaria Europea per le Partnership Internazionali Jutta Urpilainen (in video collegamento), della Direttrice Esecutiva dell’UNICEF, Catherine Russell, del Presidente ONG del Burkina Faso e Presidente di Forus International, Christelle Kalhoule, e del Portavoce nazionale della Campagna 070, Ivana Borsotto.

“La politica di cooperazione allo sviluppo è parte integrante e qualificante della politica estera italiana e strumento indispensabile per costruire e mantenere la pace” ha dichiarato il Ministro Di Maio. “Coopera è un importante esercizio di riflessione e dialogo sulle politiche di sviluppo che valorizza il contributo di tutti gli attori che concorrono al Sistema della Cooperazione Italiana: amministrazioni centrali, regioni, enti locali, università, istituti di ricerca, organizzazioni della società civile e settore privato”.

I lavori della Conferenza si sono articolati su 5 Panel incentrati sulle 5 P dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite con un particolare focus, alla luce della presente situazione internazionale, sul tema della Pace, cui sarà dedicato il primo Panel. Vi hanno preso parte i Ministri competenti per materia insieme ad altri relatori rappresentativi del sistema della cooperazione italiana allo sviluppo, figure apicali di alcune organizzazioni internazionali, rappresentanti della società civile dei Paesi partner, think-tank. CO-OPERA è stata inoltre arricchita da eventi a margine (“Side Events”), realizzati da organizzazioni della società civile, università e altri soggetti che compongono il sistema della cooperazione italiana allo sviluppo, ed interventi individuali (“Coopera Talks”) rapidi, incisivi e incentrati su specifici fatti, esperienze ed idee.

La conferenza è stata chiusa oggi dalla Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Marina Sereni, secondo cui “la cooperazione allo sviluppo ha una radice popolare profonda nel nostro Paese. Le nostre priorità sono l’aumento delle risorse per la cooperazione, una forte attenzione verso l’Africa e il Mediterraneo, il rafforzamento della governance, un’azione comune europea per essere più efficaci, anche grazie a iniziative come Team Europe, e, infine, far conoscere maggiormente ai cittadini quanto la cooperazione contribuisca alla pace e alla nostra sicurezza, attraverso una forte azione di comunicazione”.



Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

FONTE : Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale