Ciao Virgì. Te ricordi de me?

Te prego, nù sta a sentì tutti quelli che, mé domando, stupìto, perché , voteno, a Roma pé la lega.

Fregatene de lo spazio che stanno a da ar Ciccio Bello, quello, e periferie de Roma, l’ha viste solo quanno passa pé pijà l’autostrada. Lui, puro si dice che sa fa de conto, nun je crede, l’avemo visto a Taranto, quanno diede l’Ilva a Arcelor Mittal, anche si c’aveva un consorzio che offriva de più. È na carta letta, ce lo sapemo come trattallo.

Nù da retta a tutte quelle femmine che sò avvelenate cô te. Me pare che je rode che ce sia na donna ch’è capace de fà quello che loro nun sò bone a fà, manco a casa loro. E strilleno, come si fussero ingegneri, architetti, e , puro esperti in viabilità. Sarà a gelosia?

Vedi, quanno ner 1961, se arrivava cô l’autobus a Torpignattara, su de un palazzo, ce stava na scritta granne, bianca, diceva: Sindaco Cioccetti, quanno un giardino a Torpignattara?

Sò passati sessant’anni, Tor pigna, è diventata na zona multi etnica, nisuno se n’è mai preoccupato, magari d’annà a vedè come se vive, tra cinesi, pakistani, indiani, marocchini e tunisini, misti a immigrati italiani. Solo tu c’hai messo le mani. Dice ch’è poco? E meno male, prima ereno dimenticati da Dio.

T’hanno pijato pé culo, pé quella storia de la funivia su la Boccea. C’hó vissuto, da quelle parti, stavo a Monte spaccato. Già venti e più anni fa, nun ce se poteva vive, per traffico che c’era, sia che facevi a maglianella, o via de brava, sia che t’avventuravi pe boccea. Poi, quanno s’arivava all’incrocio co l’acquafredda, te veniva voja de butta le chiavi de la macchina, e , fattela a piedi.

La gente opre bocca, e, je dà fiato. Parla prima de ragionà. Er comitato de cittadini de Casalotti, c’ha visto giusto, anzi, spero proprio che se faccia sta teleferica, puro perché , indove cavolo, se pò fa, n’artra corsia verso Casalotti? Che famo, buttiamo giù e case? Namo ortre va.

Dicheno che stai a fa a campagna elettorale.

Indove cavolo staveno, ne sti cinque anni? Si hanno rotto e scatole pé la monnezza , e certo, era colpa tua. Me te figuro, de notte sur camion, annà a riccoje la monnezza che li romani buttaveno, pé abitudine, visto che li bidoni ereno sempre stracolmi, e, nisuno se lamentava. Sbuffavano, bestemmiavano, poggiavano de fòra er sacchetto, e, continuavano a votà sempre li stessi figuri. Nun jè parso vero de potè attaccà na figura nòva.

Si t’hanno criticato pe l’autobus che pijaveno fòco, nun era perchè stavi a mette a posto l’atac, forse era perché eri te, che appicciavi er fòco pé riscallatte. Tanto, era sempre corpa tua.

Si hanno dato fòco a 1200 cassonetti, uh, che palle, stamo sempre a parlà de li cassonetti che bruceno, saranno ragazzacci che se divertono, no?
E pure te, che d’è sta mania de facce sapè tutto quello che fai?

Dovresti da pijà esempio da Rutelli, Veltroni, Alemanno, no, Marino no. Marino m’ha dato sempre l’impressione de la fija de fico messa lì, ma che doveva da stà bòno, e zitto. Insomma, per PD, era er dù de coppe, quanno che regna a spade.

Ma quelli de prima, vòi mette? Quelli sì che sò stati sindaci. Hanno fatto li debiti, tutti de nascosto. Ma. Me ricordo che Veltroni, sur Messaggero, veniva lodato pe avè messo delle fioriere sulla piazza der tritone. Vòi mette, quanno c’hai la stampa a favore?

Te accuseno, i ciechi, romani, de fa e strade che se sbucieno subito. Seconno me mentono, sapendo de mentina(7). Visto che se avvicinano le elezioni, spereno che ce sia na granne affluenza a le urne de cecati, magari dall’occhio sinistro, Così che vincano tutti, l’importante che tu perdi. Guarda, pure un leghista, visto che sò veramente bravi, e , se sò battuti pe Roma da sempre, mò, cominceno puro, a parlà er romanesco. Oddio, sentito er cazzaro, me sò caduti li gioielli pé terra, paro paro Boldi quanno ce fa a caricatura.

Però mica è corpa de li romani, loro sò fatti così. Sò scettici pè natura. Se diverteno, pijano in giro tutti, se sò inventati Pasquino pè perculà er Papa, mica te potevi aspettà rose e fiori, tu che sei puro na donna!

Ma , alla fine , vedrai che li romani ce vedeno, e bene, loro t’hanno visto sempre, dappertutto, sei annata a San Basilio, e, quanno mai aveveno visto un sindaco laggiù! T’hanno visto a Casalotti, ahò sò trenta kilometri de distanza. T’hanno visto a Ostia! Ostia ch’era diventata un campo de concentramento, p’annà ar mare, mica sò ricordeno er filo spinato, pé nun fa passà nisuno.

E de li campi rom, ne volemo parlà? Che li gestivano direttamente li Casamonica, oddio, quelli gestivano, e , se pijaveno li sordi de l’affitti, puro de le case popolari. Che dici? Che forza nuova ce sta alla grande a Ostia? E certo, a quelli de prima lassavano comannà le mafie, je servivano li guardiani, e, loro se prestavano.

Insomma, se li romani nun sò ciechi e sordi, si è vero che sò un popolo svejo, si riflettono, côm’hanno sempre fatto. Vai tranquilla Virgì, te rivotano, mica sò quelli che dice er messaggero, oppuro er tempo, li romani, ormai, se sò affezzionati a te. Te vonno bene.


Franco Ferrari