Chiara Appendino e Virginia Raggi dicono NO!

di Chiara Appendino e Virginia Raggi

Virginia: Fare il sindaco è un compito estremamente importante, oneroso e impegnativo. Farlo di una città come Roma potete immaginare bene quanto impegno, quanta attenzione richieda.

Chiara: Ci sono le commissioni, ci sono i consigli, ci sono gli incontri con le associazioni, con i cittadini, col prefetto, insomma tutto quello che riguarda la quotidianità della città in qualche modo viene gestito anche dal sindaco.

Virginia: Ci hanno lasciato una città sicuramente in macerie, con oltre 13 miliardi di debito e con i servizi allo stremo. Io sono estremamente onorata di fare questo lavoro, che tuttavia già svolgo quasi part-time perché nel frattempo sono anche sindaco della città metropolitana di Roma Capitale. Devo dire che lì sono coadiuvata da una squadra e da un vicesindaco.

Chiara: Con questa nuova proposta di riforma, oltre all’attuale incarico di sindaco della città di Torino, di sindaco della città metropolitana, io potrei essere chiamata in causa ed essere anche senatrice.

Virginia: Chiaramente rinuncerei a questo incarico.

Chiara: Il sindaco deve fare il sindaco, deve rispondere al territorio, e io già impiego moltissima energia così. Dedicare un giorno a Roma, e poi tutto il tempo necessario per studiare gli atti e votarli in modo consapevole, credo che non sia davvero fattibile per un sindaco di una grande città.

Virginia: Per questi motivi io voto no alla riforma della Costituzione, e vi invito il 26 novembre a Roma per il cammino in difesa della nostra Costituzione, la nostra bellissima Costituzione. L’appuntamento è alle 13:30 a San Paolo Fuori le Mura, da lì cammineremo fino alla Bocca della Verità. Vi aspetto, venite, anche voi siete anche voi sindaci di questa città.

Chiara: Il 2 dicembre ci sarà un importante appuntamento qui a Torino in piazza San Carlo, “Io dico no”, e ci riuniremo in piazza, spiegheremo le ragioni del no all’attuale referendum e alla riforma costituzionale proposta dal Governo Renzi.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it



FONTE : Blog di Beppe Grillo