Autovie, Fedriga ha accettato lo schiaffo di Forza Italia

Autovie, Fedriga ha accettato lo schiaffo di Forza Italia - m5stelle.com - notizie m5s

“Sentire il nome di Maurizio Paniz alla guida della concessionaria Autovie Venete non può certo rincuorare la società civile. E, sicuramente, neanche noi rappresentanti di una forza politica che nasce dalla ribellione a una cultura castale, che affonda le sue radici nella ricerca dell’uguaglianza e della giustizia sociale e che mira a restituire centralità alle istanze del popolo”. Lo afferma il portavoce alla Camera del MoVimento 5 Stelle, Luca Sut. “Paniz ha rappresentato invece la negazione di questi valori – aggiunge Sut – difendendo gli interessi di pochi a discapito di molti e sostenendo le bizzarre teorie del suo intemperante leader Berlusconi. Se avessimo dovuto immaginare una nomina quanto più lontana dal modello politico e di società che il M5S esprime, l’avvocato Paniz sarebbe stato senza dubbio nell’elenco dei papabili.

“Il valore simbolico di questa nomina incarna perfettamente tutto quanto il Movimento 5 Stelle ha combattuto fin dal principio, come i privilegi, il potere nelle mani di componenti della Casta, arricchiti a discapito dei cittadini. Questa nomina rappresenta una sconfitta per il territorio – aggiunge la portavoce Sabrina De Carlo -. Sappia il governatore Fedriga che la tutela del bene collettivo deve essere il principio regolatore di ogni scelta, non certo onorare assurdi accordi sottotraccia tra partiti. Un nome come quello di Paniz, nonostante sia un rinomato avvocato, non doveva essere annoverato neanche tra le opzioni disponibili”.

“Negli anni, Paniz ha dimostrato di essere il perfetto esempio di difensore della Casta di cui fa parte, dai tempi in cui è entrato in Parlamento ha lasciato validi ricordi di sé, soprattutto nelle discussioni tenute in aula su Ruby Rubacuori, ritenuta la nipote di Mubarak – ricordano i consiglieri regionali Ilaria Dal Zovo, Mauro Capozzella, Cristian Sergo e Andrea Ussai -. Essendo Autovie un asset importante su cui si fonda anche il bilancio della Regione Friuli Venezia Giulia, auspichiamo che presti la dovuta attenzione e si lasci trasportare meno dal suo ‘convincimento personale’ in futuro”.

“Ma ovviamente non è tutto. Negli anni l’avvocato Paniz ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo pur di difendere il privilegio dei privilegi: il suo vitalizio e quello di altre centinaia di parlamentari che in questi giorni dovrebbero capire ancora di più perché è giusto abolire certe regalie medievali. Invece li ritroviamo ancora in posizioni apicali – concludono i consiglieri M5S -. Il fatto che l’avvocato sia di Belluno poco conta: siamo abituati a vedere questa regione sempre più asservita al vicino Veneto, d’altronde già il nome di Autovie Venete è un chiaro segnale di come la perla della nostra autonomia sia stata regalata da tempo agli interessi d’altri. Auspicavamo che l’assemblea dei soci avesse un sussulto d’orgoglio almeno da questo punto di vista, invece la Giunta Fedriga ha dimostrato una volta per tutte che tra la Casta e i Cittadini sa bene da che parte stare”.



Di M5S Friuli Venezia Giulia:

FONTE : M5S Friuli Venezia Giulia

(Visited 1 times, 1 visits today)