ASSALTO ALLA SCUOLA PER FINI POLITICI

Prima ti ignorano. Poi ti deridono. Poi ti combattono. E alla fine…
📌 Per fortuna, il virus non sta ripartendo. E soprattutto non è ripartito a causa delle scuole nel periodo che va dal 31 marzo al 14 aprile, visto che tra l’altro scuole erano chiuse per le vacanze di Pasqua e togliendo i giorni di festa sono state aperte (non in tutta Italia) solo per cinque giorni.
📌Nella prima ondata i paesi europei che hanno riaperto le scuole a maggio non hanno visto alcun incremento di contagi. Nella seconda ondata c’è chi ha detto che la crescita esponenziale dopo 14 gg era “dipesa dalle scuole”, quando tutte le autorità sanitarie, centro europeo per le malattie compreso, lo hanno smentito, per non parlare dello studio di Sara Gandini e quello della Società Italia di Pediatria e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.
📌A gennaio le scuole sono state riaperte e l’epidemia ha continuato a scendere per un mese. Adesso, secondo il direttore de “il Tempo” basterebbero solo cinque giorni per vedere una presunta risalita. Considerando anche il ritardo fisiologico nella comunicazione dei dati, sembra incredibile che qualcuno possa davvero sostenere una tesi così strampalata. 🤦‍♂️
🔴 Invece, sull’altra questione, quella dei banchi mobili, i cosiddetti “banchi a rotelle” scende in campo direttamente Repubblica, ovviamente citando fonti “autorevolissime”, cioè un video su TikTok con i ragazzi che farebbero l’autoscontro e l’ipotesi (senza fondamento) che “farebbero male alla schiena”.
📌La questione la abbiamo spiegata l’altro ieri su questa pagina. I banchi mobili, solo per le superiori e una minoranza (circa 400.000 su 2.4 milioni totali) di tutti i banchi singoli (indicati come misura di prevenzione dal Comitato Tecnico Scientifico) sono stati richiesti dai dirigenti scolastici. Se una metà sono ancora inutilizzati (fatto non troppo sorprendente se si continua a tenere le scuole chiuse contro ogni evidenza scientifica) la domanda giusta da fare è: perché i dirigenti li hanno richiesti e poi non li hanno usati❓
E perché si continua a parlare dei banchi mobili costati 95 milioni e non dei TRE MILIARDI di interventi del precedente governo per la ripartenza della scuola (gel, mascherine, interventi di ampliamento delle aule etc)❓
Perché li usano in tutta Europa e perché quando Piero Angela li elogiava nel 2015 come esempio di innovazione nella scuola nessuno disse nulla❓
Questo non è solo un attacco politico contro il MoVimento, visto che per lungo tempo è stata praticamente l’unica forza politica a difendere energicamente il valore della scuola in presenza. È un attacco alla scuola, perché chiudere è molto più facile che intervenire sulle criticità dei trasporti ove presenti. È un attacco contro il grande lavoro della nostra Lucia Azzolina
, che adesso è portato avanti dalla nostra sottosegretaria Barbara Floridia
.
💪⭐⭐⭐⭐⭐
Se proprio dovete, prendetevela con noi, ma lasciate stare questi attacchi a studentesse, studenti e a tutta la scuola. Riflettiamo: se passa il messaggio che la scuola è sacrificabile e si può chiudere senza che nessuno dica nulla, che ne sarà di studenti e insegnanti? Evidentemente, una scuola senza innovazione, sempre più precaria, e soprattutto con sempre meno fondi è il desiderio inconfessabile di alcuni.
Il MoVimento 5 Stelle si batterà sempre per difendere la scuola, il futuro del nostro Paese. 🇮🇹
Prima ti ignorano. Poi ti deridono. Poi ti combattono. E alla fine? Alla fine vinci. Vince la scuola, ovviamente.💛💛💛💛💛

Marco Bella