Approvato nostro ordine del giorno per tutela acqua pubblica

Approvato nostro ordine del giorno per tutela acqua pubblica

Giunta regionale attui legge di iniziativa popolare e rispetti impegni presi con società civile. Ora nuovi ATO entro 6 mesi

“Avviare un confronto con il Forum dei Movimenti per l’Acqua Pubblica e con i Comitati per l’Acqua Pubblica, il cui costante impegno ha portato all’approvazione della legge regionale n.5/2014, principali portatori d’interessi sul territorio, e tener conto della loro proposta di individuare nuovi Ambiti di Bacino Idrografici come previsto dalla normativa (articolo 17, commi 98 e 99 della legge regionale 9/17) definendoli entro e non oltre sei mesi così come già previsto dalla legge del 2014”.

Sono questi, in sintesi, gli impegni previsti dall’ordine del giorno al Collegato al Bilancio a prima firma della nostra Silvia Blasi, approvato oggi in Aula in Consiglio regionale.

“Sono ormai passati sei anni da quando nel 2014 è stata approvata all’unanimità nel Consiglio regionale del Lazio quella proposta di legge di iniziativa popolare sostenuta da 40mila firme di cittadini, 40 sindaci e 54 consigli comunali della nostra regione e di cui come MoVimento 5 Stelle sin da allora ci siamo fatti portavoce nelle Istituzioni, ma ad oggi – dichiara Blasi – ancora non sono individuati i nuovi Ambiti di Bacino Idrografici, a cui invece si sarebbe dovuto provvedere entro sei mesi dall’approvazione della legge. Poi, nel 2017, un’altra legge regionale ha stabilito per la Giunta una nuova scadenza di 60 giorni ma, anche in questo caso, a nulla è servito. Si tratta di un provvedimento fondamentale per poter poi costituire le Autorità dei rispettivi Ambiti e avviare così una rete di gestione efficiente, equa ecostenibile sulla base di una mappatura di questa risorsa più rispondente alla realtà”.

“Con l’approvazione di questo ordine del giorno oggi in Consiglio auspichiamo che la Giunta regionale si attivi finalmente per attuare quanto stabilito dalla normativa e rispettare così gli impegni presi con la società civile”, conclude Blasi.



Di M5S Lazio:

FONTE : M5S Lazio