Agli atti parlamentari risposte del governo Musumeci dopo quasi 4 anni. Di Caro (M5S) “Ridicolo, fatti ampiamente superati, non ho voluto nemmeno ascoltare”.

“Meglio mai che tardi. È proprio il il caso di dirlo. Il governo Musumeci riesce perfino a sovvertire la saggezza popolare dei proverbi. Vorremmo capire infatti che senso ha rispondere con vergognosa lentezza a problemi che sono stati ampiamente superati dai fatti. A questo punto meglio non ascoltarle nemmeno le risposte, visto che sono totalmente inutili. E il bello che all’epoca, nella mia interpellanza chiedevo, illudendomi, una risposta urgente”.

Lo afferma il capogruppo del M5S all’Ars Giovanni Di Caro, che oggi, a sala d’Ercole, si è visto rispondere, dopo quasi 4 anni, a una interpellanza del febbraio 2018 sui piani del governo Musumeci per ostacolare la concessione di autorizzazioni per la ricerca di idrocarburi nell’area tra Gela e Licata”.

“La carta su cui è stato scritta l’atto – commenta Di Caro – sì è quasi ingiallita per il tempo trascorso, la concessione è stata rilasciata, le opere realizzate. Manca poco e ci saranno pure le pompe di benzina pronte ad erogare il carburante. Non ho voluto nemmeno sentire la risposta che suonava tanto di presa in giro. E lo stesso vale praticamente per tutte le risposte avute dai miei colleghi”.

“Tenere l’aula aperta per dare risposte del genere – conclude Di Caro – è praticamente inutile, anzi, a dirla tutta, forse è inutile fare le interrogazioni e le interpellanze. Specie se si considera che ora Musumeci e la sua giunta sono alle prese con un’attività più importante che dare risposte ai cittadini: la campagna elettorale”.



Di sicilia5stelle:

FONTE : sicilia5stelle