ACCAM: “REGIONE LOMBARDIA AIUTI I COMUNI NEL PERCORSO DI TRASFORMAZIONE, NON SPINGA PER SALVARE L’IMPIANTO”

Su impulso dei territori, che con grande attenzione seguono l’evolversi della vicenda, abbiamo interrogato Regione Lombardia in merito al futuro dell’inceneritore ACCAM.

Abbiamo chiesto all’assessore cosa fosse emerso dall’incontro dello scorso 4 febbraio con i rappresentanti della società gestore dell’impianto. L’assessore ha spiegato che Regione Lombardia si è limitata all’interlocuzione con le parti. Confermando poi che l’istituzione regionale non abbia intenzione di partecipare, con investimenti pubblici, dal salvare dai propri debiti ACCAM. Tuttavia, l’assessore ha espresso come, dal suo punto di vista, sia auspicabile una soluzione che vada verso il salvataggio dell’impianto e il proseguo dell’attività.

Siamo contenti che Regione Lombardia non intenda investire per mantenere aperto questo impianto.

Impianto sul quale, è bene ricordare, pesano 11 milioni di debiti da assolvere, senza considerare i costi sanitari del mantenere attivo un inceneritore obsoleto nei pressi di numerosi centri abitati. Riteniamo quindi, che nell’ottica dei principi dell’economia circolare e dell’obiettivo rifiuti zero, Regione Lombardia dovrebbe attivarsi per accompagnare i comuni gestori alla chiusura dell’impianto ed eventualmente collaborare per nuovi progetto di economia circolare nell’area. Anche perché in Lombardia è già presente un numero di inceneritori tale da assolvere al doppio del fabbisogno regionale.



Di Massimo De Rosa:

FONTE : Massimo De Rosa