A Teheran una mostra multimediale di Patti

La sperimentazione artistica multimediale di Pier Paolo Patti, giovane artista italiano socialmente impegnato, è stata raccontata in un nuovo episodio della video-serie prodotta dall’Ambasciata italiana “From Tehran to Rome. A Journey through Art” presentato oggi nella Residenza dell’Ambasciatore a Teheran, Giuseppe Perrone.

Al documentario è stata affiancata un’esposizione, allestita nei giardini della Residenza, di alcuni quaderni di viaggio in Iran e nella circostante regione mediorientale ad opera dell’artista italiano e una macchina da scrivere Triumph degli anni ’70 per permettere agli ospiti di annotare le proprie impressioni.

E’ stato proiettato anche il cortometraggio “Janvier”, diretto Patti nel 2014 e dedicato alla sperimentazione musicale.

Durante l’evento nella residenza dell’Ambasciatore, Patti ha così commentato la sua esperienza artistica: “L’arte è condivisione di pensiero e azione, è urgenza di esprimere la propria visione del mondo. Lavoro per individuare delle aree di interesse comune, spazi concettuali destinati all’arte che non abbiano confini geografici”.

Nato a Nocera Inferiore nel 1978, Patti ha sperimentato negli anni diversi linguaggi espressivi, utilizzando media non convenzionali e unendo tecniche composite per dar vita a installazioni multisensoriali.

Nell’ultimo decennio ha realizzato diverse mostre personali, tra cui “Roots” a Teheran nel 2018 a cura di Yasaman Tamizkar e Maryam Bagheri, ed ha partecipato a numerose mostre collettive in Italia e in Europa. Tra il 2018 e il 2020 ha vinto due concorsi, “Artist in Residence” dellʼIGAV di Torino e il “Premio Paolo VI per lʼarte contemporanea” del Centro Studi Paolo VI sullʼarte moderna e contemporanea.

Il documentario “Pier Paolo Patti. An Artist beyond Borders”, cosi’ come i precedenti cinque episodi della serie “From Tehran to Rome. A Journey through Art”, e’ disponibile sui canali social dell’Ambasciata d’Italia a Teheran.



Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

FONTE : Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale