ROMA: una minoranza di ambulanti blocca il grande raccordo anulare e crea danno alla cittadinanza.

Angelo Pavoncello, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Ambulanti (Ugl), è una nostra vecchia conoscenza: da sempre schierato politicamente con la destra più becera e populista, ha avuto oggi il grande fegato, dopo essersi messo alla testa del corteo di commercianti che ha paralizzato il GRA e Roma tutta, di paragonare la nostra sindaca Virginia Raggi al gerarca nazista Herbert Kappler, responsabile del rastrellamento del ghetto ebraico a Roma dell’ottobre ’43 e condannato all’ergastolo dal tribunale romano nel giugno 1948.

Pavoncello è l’emblema esatto e perfetto di quei centri di potere che la nostra amministrazione sta da sempre cercando di combattere e smantellare: clientelari, arroganti, tentacolari come una piovra. Ne è riprova la ridicola e pretestuosa manifestazione inscenata oggi dalla minoranza di ambulanti che rappresenta: i cittadini romani lo ringraziano per avergli fatto saltare lo retribuzione di una giornata lavorativa, per non avergli consentito di portare i figli a scuola, per averli fatti imprecare dopo ore passate bloccati nel traffico intorno al Raccordo anulare.

Pavoncello, vergognati e rimangia quello che hai detto! Ricordati che la sindaca Raggi è da sempre amica della Comunità ebraica romana, paragonarla a Kappler è semplicemente delirante e foriero di una bella querela.


Daniele Diaco

ROMA: una minoranza di ambulanti blocca il grande raccordo anulare e crea danno alla cittadinanza. - M5S notizie m5stelle.com