Caro illuminato, Ma che te s’è spenta la luce?

Caro Beppe, tu che sei illuminato, tu che m’hai portato a ricrede a la politica, me risponni a na domanda? Ma che te s’è spenta la luce? Nun hai pagato la bolletta? No, perché , me pare, eh!, che stavorta nun c’hai preso. E guarda che, fino a stamattina ho scritto, che bisogna seguì sempre le regole. Ma , me trovo in imbarazzo, cô me stesso, e, verso chi me segue. C’ho delle questioni che nun capisco. Troppi sò diventati critici, a quello che scrivo, ce credo troppo a quello che dici. Nun sarà che me stò a rincoglionì puro io? Mettemo la storia de li portavoce. Tu dici che sò li portavoce ner parlamento, der popolo che li vota. Bella immagine. Ma, me spieghi perché , n’artro portavoce, tipo Crimi ( che nun conosco, e, rispetto, ma è già stato na vorta, cacciato via da quel ruolo, per inadeguatezza.) , se pija la licenza de caccià via, senza diccelo, 15 quindici, persone che se sò sempre battute per movimento, si c’aggiungemo altre persone che se sò astenute, come Villarosa, allora stamo alla mazza pé lo sfascio. C’avesse avuto ragione er puzzone toscano, quanno ha fatto cascà er governo, tanto, tutto se teneva appiccicato cô lo sputo? Nun c’è vojo crede. Nun ce posso crede.

Vedi. Io de panza, ho detto, e, scritto, No ar governo ammucchiata cô Renzi, Berlusconi, Sarvini, ma, poi, er giorno dopo, è venuto a parlacce Conte, e, m’ha convinto a di de si. Infine sei arivato tu, e, doppo c’hai parlato cô Draghi, te sei convinto, ch’er Drago era un Grillo piccolo piccolo, che nisuno l’aveva capito, e, che vedrete, c’avemo er Ministero de la transizione ecologica. Bingo! Poi, c’hai fatto sapè, che avevi fatto er nome de Cingolani, noto solamente, p’esse stato per quarche vorta a la Leopolda. Ma tu m’hai rassicurato, state tranquilli, hai detto. Ed io c’ho creduto a le tue parole. Ma oggi leggo, e, sento de tanti renziani nominati collaboratori der Cingolani, e, che pure la Confindustria applaude ar ministro. E, si la confindustria applaude, me pizzica l’orifizio posteriore, e nun sò perchè. Famo dù conti. Era ministro Patuanelli, allo sviluppo, mò ce sta Giorgetti. Era ministra l’Azzolina, a la scola, mò ce sta Bianchi, all’ambiente c’avevamo Costa, mò nun è più gnente. C’avemo solo quattro ministri su ventidue, e, er trentatré per cento de votati nun contano più un cavolo?. Nun te pare un po’ troppo poco, anche perchè me tocca vedè , ancora, ancora, Brunetta, Gelmini e Carfagna ministri. Dici che sò senza portafojo? Peggio. Significa che devo da fa più attenzione ar mio, de portafojo.

Per cui, caro Beppe, vedi d’annà a pagà sta bolletta, che l’energia , stavorta, nun me sembra che te funziona. E, si te lo dice uno che s’è sempre speso a favore der movimento, ô capisci pure te, che artri, magari più impegnati in altre faccende, magari, intenti a porta la pagnotta a casa, certe finezze nun le capischeno, e, te mannano diretto a quer paese, addirittura, ho letto, che tu l’avresti traditi, quindi, facce sapè come te giustifichi, verso er popolo che ha votato er movimento, e, che voleva, de pancia, è vero, ma , de pancia , voleva annà all’opposizione. Alla luce de na rappresentanza che nun c’avemo. Alla luce de li ministeri senza valore che c’hanno dato. Alla luce de le cose che , solo noi, nun avemo capito. Ce voi da na risposta? Oppuro, lassù ndove stai, la voce nun c’ariva?
Aspetto……..

Franco Ferrari