Visita al Pentagono e al National Cybersecurity and Communications Integration Center

Di Angelo Tofalo | Movimento 5 Stelle:

Anche oggi è stata una giornata intensa e segnata da incontri importanti con i rappresentanti del Governo degli USA. I temi principali: Difesa e Sicurezza.

Dopo la visita al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America, la struttura governativa retta da Mike Pompeo, ho visitato il National Cybersecurity and Communications Integration Center (NCCIC) dove sono stato ricevuto dal Vice segretario Thomas Mc Dermott. Il Centro è posto alle dipendenze del U.S. Department of Homeland Security ed ha il compito di difendere le infrastrutture critiche statunitensi da eventuali attacchi cibernetici.

Leggendo il “National Cyber Strategy of the United States of America”, un documento di poco più di 20 pagine, voluto e approvato recentemente dal Presidente Donald J. Trump, è evidente l’importanza che viene attribuita alla sicurezza cibernetica.

Nell’introduzione, firmata dallo stesso Presidente Trump, si legge:

Proteggere la sicurezza nazionale americana e promuovere la prosperità del popolo americano sono le mie priorità principali. Garantire la sicurezza del cyberspazio è fondamentale… il cyberspazio è componente integrale di tutti gli aspetti della vita americana, compresa la nostra economia e difesa…”.

Dobbiamo essere consapevoli che la minaccia cyber è crescente e sempre più pervasiva e che ciascun Paese è un potenziale bersaglio. Simulazioni eseguite da specialisti hanno stimato che un attacco a una infrastruttura critica potrebbe determinare danni a cose e persone ben più gravi di quelli causati da un conflitto bellico. È indispensabile farsi trovare pronti.

Dalla sicurezza cyber a quella più propriamente definita “tradizionale” che viene assicurata dagli uomini sul terreno. Al Pentagono ho incontrato il Vice Sottosegretario alla Difesa per la Politica, David J. Trachtenberg, con il quale ho parlato dell’attuale scenario geopolitico e dell’impegno nei principali teatri internazionali.

Particolare attenzione abbiamo dedicato alla stabilità dei paesi che rappresentano un fattore cruciale per la sicurezza.

Considerata l’importanza degli incontri e la quantità degli impegni in agenda fondamentale è stato anche oggi il lavoro di tutti i membri della delegazione italiana. Un gruppo eterogeneo in linea col concetto di Sistema Paese composto dal prof. Roberto Baldoni, Vicedirettore generale del DIS (Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza) con delega alla cyber security, dall’Ambasciatore Talò, coordinatore per la cyber security alla Farnesina, dal Consigliere dott. Andrea Mazzella, dirigente del MAECI, dal dott. Carmine America, Consigliere del Vice Premier Di Maio, dal dott. Mirko Lapi, Consigliere del Ministro della Difesa Trenta, dal Generale Francesco Vestito, Comandante del Comando Interforze per le Operazioni Cibernetiche (CIOC).

Vi aggiornerò nuovamente domani per raccontarvi del workshop “Cybersecurity, challenges and opportunities for Italy and the USA”.



FONTE : Angelo Tofalo | Movimento 5 Stelle

Potrebbe interessarti anche: