Una legge elettorale che non rispetta la democrazia

di Dino Giarrusso

In Sardegna si profila l’ennesimo risultato paradossale: il M5S si avvia ad essere il primo partito, ma solo terzo nella corsa alla Presidenza. La coalizione di centrodestra è formata da 11 liste, quella di centrosinistra da 8 liste.
Non so se è la legge che permette queste ammucchiate ad essere sbagliata, o se è la scelta del Movimento di rispettare i propri elettori e non partecipare a questo gioco osceno ad essere perdente.
So solo che qualunque competizione elettorale svolta con queste modalità (11 e 8 liste contro una!) è semplicemente surreale, come lo sarebbe affrontare una partita di calcio giocando in 3 contro 11. Che senso ha? Quanto è rispettata, in questo modo, la democrazia?

Potrebbe interessarti anche: