Terme di Acireale, seconda asta a vuoto in poche settimane. Foti: (M5S): “Musumeci dica chiaramente quali sono le intenzioni del governo

Di sicilia5stelle:

“Il governo Musumeci a questo punto ci  dica chiaramente quali sono le sue intenzioni  e spieghi i motivi della mancata attivazione del mutuo previsto dalla legge 20 del 2016 .

A dichiararlo é Angela Foti, deputata del M5S all’Ars, dopo la nuova fumata nera sulla strada delle Terme di Acireale, che ieri hanno fatto registrare l’ennesimo capitolo negativo con la seconda asta andata deserta nel giro di poche settimane.

Alla deputata, che,  all’indomani della chiusura della prima asta andata deserta, aveva duramente stigmatizzato l’accaduto con un duro  intervento a sala d’Ercole, col quale aveva chiesto dettagliate spiegazioni sull’accaduto, erano  state date ampie rassicurazioni dell’imminente corsa ai ripari con il completamento di tutte le procedure .  Cosa che i fatti di ieri hanno clamorosamente smentito.

”L  ‘iter di  ricongiungimento del patrimonio immobiliare di Terme Spa  e la chiusura della liquidazione della stessa – afferma Angela Foti – sono passaggi imprescindibili sui quali , fin dai tempi del  governo Crocetta,  si era legiferato con la pressoché unanimità dell’aula. La mancata partecipazione , specialmente a fronte delle numerose dichiarazioni di intento da parte del governo Musumeci,  appare del tutto inspiegabile e contraria alla volontà, più volte ribadita , di rilancio del comparto attraverso la affidamento delle strutture a dei privati,  in armonia con quanto indicato dalla norma .

” Stento a credere – conclude  Foti  –  quanto avvenuto.  É inspiegabile come all’inizio di giugno l’assessore Armao abbia dichiarato l’imminente accensione del mutuo da parte del suo dipartimento e come per ben due volte questo non sia avvenuto . Il territorio pretende spiegazioni e di sapere quali sono i motivi per i quali si sta letteralmente omettendo di procedere come stabilito dal legislatore. Il governo riferisca quali  sono gli ostacoli o si assuma la responsabilità di un disastro lungo 10 anni”.





FONTE : sicilia5stelle