Sicilia Orientale, maltempo e danni, Lorefice (M5S): “Vicina ai cittadini e agli imprenditori che hanno subito danni a causa del maltempo. Una situazione drammatica che necessita di risposte e soluzioni in tempi rapidi”

Di Marialucia Lorefice:

“Esprimo vicinanza -sottolinea la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) ai miei concittadini di Ispica che hanno subito notevoli danni alle abitazioni. Un pensiero particolare non può che andare agli operatori dei settori agricolo e zootecnico, per i gravissimi danni subiti nella giornata di ieri, 25 ottobre 2019. Gli eventi atmosferici, particolarmente violenti nella Sicilia orientale e nella provincia di Ragusa hanno causato danni molto ingenti alle coltivazioni con consistenti perdite in termini di produzione, gravissimi danni strutturali e la perdita di numerosi capi di bestiame. La furia delle acque e del fango ha trascinato via ogni cosa, auto comprese causando, purtroppo, anche una vittima di Rosolini. Pozzallo, Modica, Scicli, sono state colpite da piogge torrenziali. L’immagine di Ispica devastata da questi fenomeni calamitosi colpisce la sensibilità di ciascuno di noi. La voragine di Cava Mortella rende il senso della gravità della situazione al pari della distruzione di impianti serricoli e coltivazioni a pieno campo. Un ulteriore colpo al cuore del territorio e dell’economia che vede l’agricoltura in ginocchio. Alle difficoltà economiche del momento si aggiungono le catastrofi atmosferiche che rendono quasi eroica l’azione di chi continua a portare avanti le eccellenze della nostra agricoltura. Ringrazio tutte le autorità competenti-continua la Lorefice- per il pronto intervento al fine di ripristinare, al più presto possibile, la normalità. È necessario mettere in campo le azioni tempestive al fine di sostenere coloro i quali hanno subito danni irreparabili legati alla calamità. Da parte mia non può che esserci la più ampia disponibilità e apertura nel trovare soluzioni che possano dare respiro al comparto agricolo e sostegno ai cittadini”.



FONTE
: Marialucia Lorefice