Si lavora per TARANTO, a tutto campo!

Si lavora per TARANTO, a tutto campo! E questo grazie al ministro del lavoro e dello sviluppo economico Luigi Di Maio e agli altri ministri e viceministri 5 Stelle impegnati nella riconversione economica della città.
A quelli “competenti” che avevano governato prima, lasciamo solo le pigne da rosicare.
********************
Di Lorenzo Fioramonti, viceministro della Pubblica Istruzione

“Oggi ho partecipato al Tavolo Istituzionale Permanente per la riconversione economica di Taranto insieme ai colleghi Luigi Di Maio, Sergio Costa, Alberto Bonisoli, Barbara Lezzi, Giulia Grillo e Elisabetta Trenta.

Ho presentato il progetto del Tecnopolo Mediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile, che comincerà le sue attività subito dopo l’estate e diventerà un hub di ricerca e innovazione a livello internazionale sul clean tech, l’economia circolare e le energie rinnovabili.

Il Tecnopolo farà di Taranto la capitale italiana dello sviluppo sostenibile, proprio per dimostrare che un modello di sviluppo diverso è possibile anche e soprattutto lì dove le industrie pesanti del passato hanno creato danni all’ambiente e alla salute. Taranto potrà finalmente scegliere un futuro ‘verde’ investendo sulle tecnologie di nuova generazione in grado di rivoluzionare la produzione industriale.

Il Tecnopolo diventerà il simbolo di un riscatto, che parte dalla ricerca e dalla scienza per trasformare il “sapere” in un volano di crescita economica di qualità. Proprio per questo ho poi voluto incontrare lo staff dell’Istituto Musicale Giovanni Paisiello, che è una delle grandi eccellenze italiane nel campo artistico.
Il Paisiello versa da quasi due anni in una situazione economica difficile, da quando la Provincia ha interrotto i finanziamenti. Ho quindi chiesto al mio Ministero di attivarsi per accompagnarli economicamente in questa fase difficile e velocizzare il processo di statizzazione.

L’Italia riparte con la ricerca e la formazione!”