Risposte a tutte le calunnie che stanno circolando in questi giorni

di Claudia Cucuccio:

Video chiarissimo poco fa di un raffreddato Luigi Di Maio ma sempre in ottima forza “energetica”. Ha giustamente risposto a tutte le fake news e le calunnie che stanno circolando in questi giorni, soprattutto sulle banche.

Riguardo a Carige, ovviamente, Luigi ha precisato che “o si nazionalizza o non si mette 1 euro in Carige”. Infatti ha detto che se i cittadini mettono soldi in una banca, quella banca diventa dei cittadini, “ce la prendiamo come Stato e cominciamo ad usarla per dare crediti a piccole e medie imprese, per migliorare i mutui alle famiglie e aiutare i giovani a essere più indipendenti, grazie a una banca che comincia a fare la banca d’investimenti dello Stato.”

Seconda cosa: il Governo scriverà al Commissario straordinario di Carige nominato dalla BCE e gli chiederà di rendere noto al Governo l’elenco dei debitori di Carige, perché si vuol capire “se ci sono dei legami politici o personali con gli amministratori delegati di questi anni, perché chiederemo al Commissario di promuovere l’azione di responsabilità sugli ex amministratori delegati di Carige, quelli che hanno gestito e hanno fatto il buco di bilancio.” Giustamente Luigi ha infatti ricordato che sono i grandi prestiti che non vengono onorati di solito. “Quindi, andiamo a vedere nei prossimi giorni l’elenco dei debitori, degli amministratori delegati e dei componenti del cda e degli azionisti.”

Poi Consob: vogliono rinnovare al più presto il vertice, poiché è l’ente che monitora i prodotti finanziari, sono quelli che dovevano controllare e sorvegliare su Banca Etruria…

Poi, la Commissione di Inchiesta sulle Banche. “Immaginate una nuova commissione da fine gennaio con Paragone presidente, e il primo “audito” che dovrà dire la verità sarà Banca d’Italia, altro ente che doveva sorvegliare in questi anni… perché vogliamo accertare anche le responsabilità di Banca d’Italia.”

Poi ha detto che vorranno fare al più presto una Legge per la separazione tra banche commerciali e banche che fanno finanza speculativa. E ha ricordato non solo 1,5 miliardi ai truffati delle banche già approvati in Legge di Bilancio, ma anche che vorrebbe un Fondo Europeo di Garanzia per i risparmi.

Ha concluso dicendo che lavoreranno per fare in modo che d’ora in poi più nessun banchiere possa essere impunito e nessun risparmiatore possa avere la preoccupazione di dove ha messo i soldi.

“Non sarà la stessa musica, la musica è cambiata sulle banche. E quando pubblicheremo l’elenco dei debitori di Carige, vedremo chi troveremo lì dentro. Se troveremo i soliti noti che hanno avuto favori dalle banche in questi anni, non solo ve lo comunicheremo come governo, e questa già è una novità, ma soprattutto la faremo pagare a tutti i banchieri che in questi anni hanno ridotto così quella banca per fare un favore a qualcun altro.”
Da brividi, Luigi.