REDDITODICITTADINANZA: DA SETTEMBRE INIZIA LA FASE 2 DELLA RIFORMA

Di Tiziana Ciprini:

Da lunedì 2 settembre partiranno le convocazioni dei beneficiari del Reddito di cittadinanza per la firma del patto per il lavoro che servirà ad identificare le competenze: ciò prevede che debba essere accettata almeno una delle tre offerte di lavoro congrue che verranno avanzate.

Così nei primi dodici mesi di fruizione del Reddito di cittadinanza sarà congrua la prima offerta se entro 100 chilometri di distanza dalla residenza (o comunque raggiungibile con un massimo di 100 minuti con i mezzi pubblici). La seconda, invece, entro i 250 chilometri e la terza sull’intero territorio italiano.

Dopo dodici mesi anche per la prima offerta la congruità è riconosciuta se si è entro i 250 chilometri. Non per tutti, comunque, sarà obbligatorio il patto per il lavoro: per alcuni nuclei familiari, in particolari situazioni di disagio bisognoso di aiuti, è possibile attivare il patto per l’inclusione sociale, passando attraverso i servizi dei comuni competenti per il contrasto alla povertà e in questo caso il percorso sarà diverso.

Comincia così la fase due della riforma, quella che prevede “l’accompagnamento” al lavoro dei percettori del sussidio, con l’aiuto dei #navigator, figure che svolgeranno la funzione di assistenza tecnica nel percorso di reinserimento occupazionale.

L’articolo REDDITODICITTADINANZA: DA SETTEMBRE INIZIA LA FASE 2 DELLA RIFORMA sembra essere il primo su Tiziana Ciprini.



FONTE : Tiziana Ciprini