Primo restore “site visit” nel sito di discarica nel Comune di Andretta (AV) – Lo Stato deve chiedere scusa per i disastri ambientali subiti in tanti anni, bonificare i territori e restituirli ai cittadini

Di Salvatore Micillo:

Roma, 5 Luglio 2019 –  Questa mattina con il Commissario straordinario per la Bonifica delle Discariche Abusive Generale Giuseppe Vadalà, accompagnati dal sindaco del Comune di Andretta Dott. Giuseppe Guglielmo, mi sono recato al sito in località Frascineta per dare l’avvio al primo dei tre eventi di “site visit” in programma per il mese di Luglio (Andretta, Filettino e Lama dei Peligni).

Le visite si svolgono in quelle aree che sono state oggetto di bonifica o messe in sicurezza negli ultimi 20 mesi e, attualmente in sicurezza ambientale a norma di legge, sono fuoriuscite dalla procedura di infrazione da parte della Comunità Europea. L’iniziativa congiunta tra Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la struttura di missione del Commissario straordinario per la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento alla normativa vigente delle discariche abusive presenti sul territorio nazionale, ha lo scopo di informare le popolazioni locali degli sforzi fatti, premiando simbolicamente quelle comunità e soprattutto quei cittadini delle istituzioni che hanno contribuito con spirito di servizio alla realizzazione di un doveroso servizio alla collettività.

Ringrazio il Generale Vadalà e la sua Struttura di missione che insieme ai Sindaci, alle Arpa, all’SNPA, alle Regioni, alle Province, Prefetture, ai soggetti attuatori degli interventi, sta lavorando costantemente per fare uscire dalla infrazione comunitaria le discariche abusive in Italia. Grazie al lavoro svolto possiamo contare 34 siti usciti dalla procedura di infrazione europea e un risparmio annuale di 13 milioni di euro. Ogni discarica bonificata fa risparmiare centinaia di migliaia di euro alle casse dello Stato. Ogni semestre, lo stato di avanzamento dei lavori della Struttura di missione per la bonifica delle discariche abusive fa registrare un risparmio di milioni di euro.

Portando la presenza dello Stato sul territorio vogliamo accendere i riflettori sull’importanza di ‘fare rete’ e sul ruolo fondamentale delle amministrazioni locali, che con impegno e dedizione hanno reso possibile la bonifica delle discariche e l’uscita dalla procedura di infrazione. 

Oggi la spinta del Governo nelle bonifiche è più forte del passato. La nostra vittoria sarà recuperare tutti gli spazi ancora contaminati. Lo Stato deve chiedere scusa per i disastri ambientali subiti in tanti anni, bonificare i territori e restituirli ai cittadini.

 



FONTE : Salvatore Micillo