Piano Coste. Casili: Commissariamento dei Comuni voluto dall’assessore Capone si è rivelato spreco di tempo e risorse

Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

“Sul Piano Coste la Regione Puglia scarica tutte le responsabilità sui sindaci. Se da una parte gli amministratori locali hanno le loro colpe, dall’altra i maggiori responsabili, anche del fallimento della fase di commissariamento dei comuni inadempienti, sono proprio Michele Emiliano e Loredana Capone. Purtroppo non sono sufficienti i dati impietosi sul calo delle presenze turistiche a far comprendere al governo regionale, che un territorio senza programmazione e pianificazione non ha futuro”. Lo dichiara  il consigliere del M5S Cristian Casili, intervenendo sui ritardi dei commissari, nominati dalla Regione Puglia in sostituzione dei Comuni, per attuare i Piani delle Coste.

“Le comunità non hanno avuto alcun beneficio dal supporto dei commissari individuati dalla Regione. Anzi, la soluzione commissariamento, paventata dall’assessore Loredana Capone come ‘fondamentale’ per la redazione del Piano Coste, si è rivelata uno spreco di tempo e risorse. Perché gli stessi commissari continua Casili anziché accelerare o rispettare i tempi dell’iter, hanno sforato ampiamente i 180 giorni di termine previsto per consegnare il lavoro. Ad un anno e tre mesi dalla loro nomina, non abbiamo ancora visto alcun risultato le conseguenze le pagheranno gli imprenditori onesti, che dovranno districarsi in un ginepraio di norme poco chiare che non consentono investimenti certi. Un appesantimento della burocrazia che spesso avvantaggia i furbi, con la conseguenza di assistere allo sciacallaggio delle risorse naturali”

Casili, intervenuto sull’argomento già negli anni scorsi, ribadisce le critiche per la scelta del  commissariamento “pensato in maniera discrezionale”

“Già un anno fa avevo preannunciato che il commissariamento avrebbe aumentato il ritardo sull’approvazione finale del Piano delle Coste, perché a farne le spese sarebbero stati i piccoli comuni rivieraschi sotto i 10 mila abitanti, alcuni dei quali già avanti rispetto ad altri Comuni più grandi nell’iter di approvazione del piano. Questi Comuni, che avevano quasi terminato l’iter, avrebbero visto allungarsi i tempi a causa dell’istituzione dei nuovi bandi e della nomina dei tecnici incaricati per redigere i piani comunali. Purtroppo, si sta realizzando il rischio che avevo segnalato. Non solo, al danno si unisce beffa, perché i costi verranno addebitati ai Comuni, nonostante i ritardi dei commissari. Credo che ormai sia inutile nasconderlo – conclude Casili – ci apprestiamo a una stagione all’insegna della spazzatura sulle nostre coste per l’assenza di un piano di chiusura del ciclo dei rifiuti, alla presa d’assalto disorganizzato dei nostri litorali, con una immagine apocalittica del territorio, se consideriamo anche il disseccamento dei nostri ulivi. Nessuno si sorprenda se, in un territorio in cui regna l’approssimazione, vi sarà un calo drammatico di turisti”.



FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia

Recommended For You