Piani comunali delle coste. Casili (M5S): “Invece di ammettere la totale mancanza di pianificazione si scaricano le colpe sui Sindaci”

Di MOVIMENTO 5 STELLE Puglia:

“I disastri della giunta Emiliano sembrano non aver mai fine. E le colpe ricadono sui Sindaci. È l’assurda situazione che si è creata negli undici piccoli Comuni salentini che la Regione nel 2018 ha commissariato, colpevoli di non aver ultimato l’iter per il perfezionamento dei propri piani costa comunali.  Peccato che anche il commissariamento si sia rivelato fallimentare e ora ci chiediamo: chi pagherà il lavoro commissariale di questi mesi che a quanto pare non ha prodotto nessun risultato?”, così il consigliere  del Movimento 5 Stelle Cristian Casili dopo  la convocazione dei Sindaci e dei tecnici da parte dell’assessore al Demanio Piemontese per fare il punto sulla situazione dei piani costa. 

Lo scorso 30 settembre è scaduta l’ultima proroga per il completamento dell’iter di approvazione dei Piani, ma ad oggi in tutti i Comuni del Salento coinvolti l’iter del provvedimento risulta incompleto. 

“Avevo denunciato a suo tempo – spiega Casili i ritardi e le modalità con cui la Regione nel 2018 aveva commissariato i Comuni inadempienti, scaricando sulle amministrazioni le proprie responsabilità. Se si è arrivati a questa situazione è perchè in questa legislatura è mancata qualsiasi pianificazione: dal PSR ai PUG che continuano a latitare. Una situazione che non permette di porre fine all’abuso in lunghi tratti di litorale che scontano diversi problemi di erosione e al forte impatto di alcune strutture che nel frattempo, con la mancanza di regole, non si sono adeguate alle nuove prescrizioni. Un danno che colpisce tutti: dai cittadini che non vedono salvaguardato il bene pubblico agli imprenditori che senza regole procedono a fare investimenti che molto spesso sono illegittimi. Ho chiesto più volte – incalza il consigliere – agli assessori competenti un cambio di passo, che  purtroppo non è avvenuto, anzi siamo arrivati addirittura al braccio di ferro tra Comuni e Regione. Di questo passo saremo sprovvisti per i prossimi mesi di strumenti utili a rilanciare il nostro turismo e la nostra economia”. 



FONTE : MOVIMENTO 5 STELLE Puglia