Parigi vuole diventare “La città dei 15 minuti”

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Se riesci a camminare o andare in bicicletta a lavorare in 15 minuti,  e riesci a raggiungere un negozio di alimentari, un parco, un caffè, la scuola dei tuoi figli nello stesso lasso di tempo, stai vivendo in quello che viene chiamato un “quartiere di 15 minuti”.

Sono molto difficili da trovare ora, anche nelle città dense (il newyorkese medio ora impiega circa 43 minuti per andare al lavoro in auto). Ma è una visione che Anne Hidalgo, la sindaca di Parigi, ora vuole adottare in tutta la città.

Hidalgo, che è attualmente in corsa per la rielezione, ha sostenuto fortemente l’idea de “la ville du quart d’heure” , o la città di 15 minuti, per creare una città post-auto. “È una città di quartieri dove puoi trovare tutto ciò di cui hai bisogno in 15 minuti da casa”, ha twittato la scorsa settimana, allegando alcune immagini del progetto (sottostanti). “Questa è la condizione per la trasformazione ecologica della città che migliorerà al contempo la vita quotidiana dei parigini”.

“Questa è un’ambizione, una nuova visione per le città”, afferma Carlos Moreno, professore presso l’Università Sorbonne che originariamente ha concepito il progetto e ha consigliato Hidalgo nella messa in atto della sua idea. Ispirato al lavoro di Jane Jacobs, che ha sostenuto che la vicinanza è la chiave per rendere le città vitali, sostiene che le città dovrebbero essere ridisegnate in modo che le persone possano accedere alle funzioni sociali di base all’interno dei propri quartieri. Il design urbano tradizionale, con persone che si recano in un centro a distanza, è obsoleto. “Voglio cambiare radicalmente questa visione delle città”, afferma. In parte, è una risposta ai cambiamenti climatici e all’inquinamento delle auto. Ma si tratta ugualmente della qualità della vita.

Parigi è già percorribile a piedi, e poiché la città ha realizzato nuove piste ciclabili, il numero di ciclisti è cresciuto del 54% solo nell’ultimo anno. Ma l’invecchiamento del sistema ferroviario ha spesso ritardi e molte persone continuano a prendere l’auto. Più della metà delle persone che lavorano nella zona hanno un tragitto di 45 minuti, così come avviene in molte città europee. In un sondaggio, la maggior parte dei parigini ha affermato che sarebbero disposti a fare una riduzione delle retribuzioni per un tragitto più breve.

Il piano di Hidalgo aggiungerebbe uffici nei quartieri dove mancano, in modo che le persone possano lavorare più vicino a casa. Alcune persone potrebbero lavorare nei centri di coworking del quartiere; Moreno afferma che per molti lavori adesso, l’ostacolo maggiore sarà semplicemente convincere le aziende sulla possibilità di lavorare con successo da remoto. Un’altra chiave dell’approccio è trovare molteplici usi per l’infrastruttura già esistente. Biblioteche, stadi e altri edifici potrebbero essere utilizzati al di fuori dei loro orari standard. Le discoteche potrebbero raddoppiare come palestre nel pomeriggio.

Parigi ha relativamente poco spazio verde, quindi la città sta aggiungendo vegetazione ai campi da gioco delle scuole e la sindaca Hidalgo vuole aprire l’accesso a questi nuovi “parchi” alle persone dei quartieri nei fine settimana come un nuovo posto per rilassarsi. Altri due grandi parchi saranno costruiti e la città vuole anche piantare foreste urbane. Boschetti di alberi nelle piazze e negli ex parcheggi. Nuovi giardini per l’agricoltura urbana possono fornire ai quartieri cibo locale. Le auto saranno vietate vicino alle scuole, quando i bambini arrivano e se ne vanno, per rendere sicuri i bambini che camminano e vanno in bicicletta. La città incoraggerà una varietà di imprese locali, insieme a chioschi in cui i cittadini possono incontrarsi e condividere servizi tra loro. E poiché in molti casi le risorse locali esistono già e potrebbero essere semplicemente sottoutilizzate, parte del concetto prevede la riconnessione delle persone con i loro quartieri.

Uno schizzo del progetto presenta come potrebbe cambiare una strada: un’ampia corsia per andare in bicicletta e camminare, e dove c’erano parcheggi su di un lato verrebbero sostituiti con alberi e terrazze con tavoli da bar e attività come la riparazione di biciclette.

La Hidalgo vuole pedonalizzare il centro della città, con accesso ai veicoli limitato ai residenti, veicoli di emergenza e poche altre eccezioni, come il prossimo passo del lungo sforzo per ridurre la guida in città. Vuole costruire ancora più piste ciclabili, chiedendo una città “100% bici”. (Quando è stata eletta nel 2014, ha promesso di costruire 1.400 chilometri di piste ciclabili entro quest’anno; a dicembre, la città non ha ancora raggiunto l’obiettivo).

Per la città, gli sforzi fanno parte del piano per diventare carbon neutral entro la metà del secolo. Ma ha anche lo scopo di migliorare la qualità della vita per i parigini e mettere in contatto i cittadini del quartiere. “Parigi è una città bellissima, ma è una città stressante e solitaria per gli abitanti, molti non conoscono i loro vicini e il loro quartiere. Se le scuole sono aperte nei fine settimana, se i bambini possono giocare per strada, se i servizi si trovano vicino a te, la città diventerà molto più amichevole e si svilupperà la solidarietà”.

 

(Traduzione dell’articolo pubblicato su Fast Company)



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo