MiSE – RAI: produzione audiovisiva, approvate le Linee-guida

Dal Ministero dello Sviluppo Economico:

Giovedì, 18 Luglio 2019

Saranno alla base delle intese tra Rai e associazioni dei produttori per i diritti di sfruttamento delle opere audiovisive

Immagine decorativa

La Commissione paritetica, composta da membri del Ministero dello Sviluppo economico e della Rai, ha approvato la versione definitiva delle Linee-guida operative cui dovranno essere ispirate le intese tra la stessa Rai e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative dei produttori in ordine alla durata e all’ambito dei diritti di sfruttamento radiofonico, televisivo e multimediale.

Come previsto dal Contratto di servizio MiSE -RAI 2018/2022, la Commissione paritetica ha effettuato un ampio confronto con i principali stakeholder del settore, che ha consentito di esaminare con un approccio ampio ed inclusivo tutti gli aspetti relativi alle dinamiche evolutive del mercato italiano della produzione audiovisiva e alla definizione della durata e dell’ambito nello sfruttamento dei diritti sulle diverse piattaforme di diffusione, radiofonica, televisiva e multimediale.

La Commissione paritetica ha sottoposto, nei mesi scorsi, lo schema di Linee-guida a consultazione pubblica in un’ottica di trasparenza e apertura, anche sul presupposto che il documento, pur avendo ad oggetto la negoziazione condotta nell’ambito del servizio pubblico radiotelevisivo, potrà rappresentare un modello per l’intero mercato nazionale di riferimento.

La consultazione pubblica ha consentito di acquisire il punto di vista di tutti gli attori del mercato su un tema particolarmente importante per la mission del Ministero e della Rai: lo sviluppo dell’industria dell’audiovisivo e la valorizzazione delle capacità produttive, imprenditoriali e culturali del Paese, nel segno di una maggiore efficienza e pluralismo.

Come ha affermato il Ministro Luigi Di Maio: “Il mercato della produzione audiovisiva italiana è un volano dell’economia e della cultura del nostro Paese, in cui la RAI gioca un ruolo determinante, investendo ingenti risorse finanziarie. In un settore strategico che evolve a velocità mai viste prima, il servizio pubblico deve puntare con decisione su contenuti di qualità e dal respiro internazionale, sperimentando formati e linguaggi nuovi e avviando progetti innovativi, nelle produzioni e coproduzioni di fiction, cinema, prodotti di animazione, documentari e altre opere audiovisive”.

Le Linee-guida sono pubblicate sui siti internet del Ministero dello Sviluppo economico e della Rai (PdF)



FONTE : Notizie