Miele | Pronte le risorse anti-crisi del comparto

Di Giuseppe L’Abbate | Un cittadino in Parlamento:

Gli sbalzi termici e gli eventi climatici avversi di questa prima metà del 2019 hanno colpito drammaticamente il comparto apistico. A causa della pioggia e del vento, infatti, le api non sono state in grado di “bottinare”, ovvero di succhiare dai fiori il nettare da portare all’alveare. I fiori bagnati dalle frequenti piogge hanno scaricato il nettare, innescando una situazione critica all’interno dell’alveare. Il poco miele prodotto, le api lo utilizzano per sopravvivere mentre gli apicoltori sono ricorsi all’alimentazione artificiale con sciroppo di acqua e zucchero, una soluzione estrema a cui si giunge solitamente nel periodo autunnale. Secondo i dati Ismea, si registra una contrazione del 41% nella produzione di miele italiano di acacia e agrumi con perdite stimate attorno ai 55 milioni di euro.

Con 55.877 apicoltori, un numero di alveari vicino al milione e mezzo, la produzione di circa 40 varietà di mieli diversi, l’apicoltura costituisce un importante settore del comparto agricolo nazionale con un buon livello di capacità produttiva oltre all’importante funzione impollinatrice che le api svolgonoha dichiarato in Commissione Agricoltura il sottosegretario Alessandra Pesce (M5S)Occorre agire per ottimizzare l’intervento pubblico integrando le diverse azioni: dalla ricerca al sostegno di allevatori e produzioni, dai controlli alla comunicazione ai consumatori. Vi sono congrue risorse finanziarie su cui poter contare e l’impegno è di utilizzarle in maniera integrata e complementare affinché abbiano ricadute e impatti positivi su tutto il settore”.

In applicazione della normativa
comunitaria, sono stati infatti attivati programmi pluriennali che beneficiano
di un cofinanziamento Italia-Ue pari a circa 6 milioni di euro l’anno. Nella
nuova PAC, il settore apistico poi è l’unico che raddoppia le proprie risorse a
sostegno della qualità e del rafforzamento della produzione. Tra le misure
finanziabili vi sono anche quelle relative all’assistenza tecnica agli
apicoltori e alla lotta contro gli aggressori e alle malattie dell’alveare
(gestite all’89% a livello regionale per meglio adattarsi alle diverse realtà
territoriali), oltre ad azioni a carattere nazionale, quali la ricerca, il
miglioramento della qualità dei prodotti, attività di formazione e divulgazione.

Con la legge di bilancio 2019, abbiamo autorizzato l’ulteriore spesa di due milioni di euro per il prossimo biennio per la realizzazione di progetti nel settore apistico finalizzati al sostegno delle produzioni e allevamenti di particolare rilievo ambientale, economico, sociale e occupazione. Mentre, per affrontare il calo produttivo e le aggressive importazioni, lo scorso giugno si è tenuto un incontro del Tavolo di indirizzo e coordinamento che raccoglie i diversi stakeholder del comparto. Come richiesto dai vari operatori, è stato dato incarico ad Ismea di effettuare un’analisi della situazione di crisi produttiva al fine di verificare le condizioni per attivare, anche a livello sperimentale, gli strumenti di gestione delle crisi già utilizzati nel settore agricolo.

Per quanto concerne, invece, il rischio di una invasione di miele “straniero” i dati delle importazioni risultano alquanto “preoccupanti”, con un aumento del 18% nel 2018 pari a 27.800 tonnellate. A far concorrenza al miele made in Italy, ad oggi, non c’è solo la Cina con 2.500 tn ma anche i Paesi dell’Est Europa come l’Ungheria con oltre 11.300 tn, a basso costo e con standard qualitativi differenti. I controlli per evitare condotte fraudolente hanno visto l’Icqrf eseguire 500 analisi su circa 400 campioni, di cui il 9,6% è risultato irregolare: dall’etichettatura irregolare per l’impiego di locuzioni ingannevoli od omissioni di indicazioni obbligatorie al mancato adempimento degli obblighi di tracciabilità sino all’indebito uso commerciale di una denominazione protetta e all’illecito utilizzo di zuccheri estranei alla produzione di miele.

Assicuro che, a tutela del settore che ha un valore stimato in più di 2 miliardi di euro e dei consumatoriha concluso la sottosegretaria Pesce (M5S)il Ministero delle Politiche Agricole intende garantire un sempre maggiore livello di attenzione anche rispetto ai mieli di importazione”.

Per approfondimenti:
Agora Blog
Blue Note
CanosaWeb
Stato Quotidiano

The post Miele | Pronte le risorse anti-crisi del comparto appeared first on Giuseppe L’Abbate | Un cittadino in Parlamento.



FONTE : Giuseppe L’Abbate | Un cittadino in Parlamento