Matteo Salvini è SISTEMA.

di Nicola Morra:

Alessandro ha definito il capitone il “ministro del tradimento”.
Il quale adesso darebbe segni di pentimento.

Che sia chiaro.

Matteo Salvini, che ha in poche ore ripreso le frequentazioni con il pregiudicato di Arcore, che ha la peggior dote dei vecchi politici, il cinismo, che non ha timore a sfruttare la paura come sentimento per incrementare consensi, è SISTEMA.

Se non è nata la Commissione banche, che avrebbe potuto rivelare pesanti responsabilità di uomini della Lega Nord in alcuni importanti crack di istituti di credito del Nord, il SISTEMA ha esultato, con la Lega Nord in primis.

Se ancora non si è provveduto ad agire nei confronti di concessionari di beni pubblici responsabili di omissioni gravissime, i Benetton, il SISTEMA ha esultato, con la Lega Nord in primis.

Se la gestione del caso Arata-Nicastri sta incontrando intoppi parlamentari che potrebbero preludere a ritardi voluti e dilatazione dei tempi volta a lavorare per la prescrizione, il SISTEMA ha goduto, con la Lega Nord in primis.

Ricordiamocelo che la Lega Nord, come tutti gli altri gruppi politici, è organica al blocco di potere che governa il nostro paese da decenni, camuffandosi abilmente come anti-sistema, essendo in realtà espressione di interessi solidi e squallidi.

Vi ricordo che il senatore Salvini era stato eletto in Calabria, salvo poi dover rinunciare al seggio appunto nella suddetta regione, essendo stato accertato un PICCOLO errore di calcolo nel conteggio dei voti che gli erano stati attribuiti: 2916 voti!

Che vuoi che siano, in una regione ove dominano ignoranza e ‘ndrangheta!