Liberati 28 miliardi di euro per nuovi investimenti infrastrutturali

di Giuseppe Conte:

Oggi si è svolta una nuova riunione del Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, a distanza di pochi giorni dall’ultima. Nel corso di questi due incontri siamo riusciti a sbloccare diverse opere fondamentali per lo sviluppo del Paese, liberando 28 miliardi di euro per nuovi investimenti infrastrutturali e soprattutto per la manutenzione delle nostre strade e ferrovie, con grande attenzione al Sud.

Stiamo facendo il massimo per accelerare l’avvio di quanti più cantieri possibili.

Come promesso ripartono i lavori per il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo, dove insieme al ministro Toninelli mi ero recato lo scorso marzo. Stiamo parlando di un’opera la cui concessione risale a trent’anni fa.

Un’altra infrastruttura strategica, attesa da molti anni, è il collegamento viario tra Ragusa e Catania: anche in questo caso, grazie all’impegno del Mit e di Anas, abbiamo fatto un grande passo in avanti che ci porterà alla prossima riunione del Cipe, di inizio settembre, alla definizione del cronoprogramma e degli aspetti finanziari per far partire i cantieri.

Abbiamo trovato una soluzione anche per accelerare i lavori dell’alta velocità Verona-Vicenza. Si tratta di opere che si aggiungono alle tante altre sbloccate in questi giorni, da Nord a Sud.

Un’altra buona notizia è l’accordo per superare il contenzioso tra Anas e Cmc che consentirà di riprendere i lavori della strada statale 640 Agrigento-Caltanissetta.

Non ci fermiamo. A breve firmerò, come previsto dal decreto ‘Sblocca-cantieri’, i primi decreti per la nomina dei commissari straordinari delle grandi opere infrastrutturali che si trovano tuttora in una fase di stallo.

Infine, stiamo procedendo per rendere operativa il prima possibile la struttura di missione ‘InvestItalia’, attraverso cui affiancheremo alle pubbliche amministrazioni un pool di esperti e tecnici al fine di velocizzare ancora di più lo sblocco dei cantieri e ottimizzare l’utilizzo delle tante risorse a disposizione per gli investimenti.