Le fake news sul TAV non finiscono mai

Di Fabiana Dadone:

Il TAV ha monopolizzato il dibattito politico italiano e inondato tutti i media, ma anzichè avere dati e informazioni verificate e oggettive, gli italiani sono stati inondati da numerose fake news con il solo scopo di screditare il fronte del NO.

“Sta succedendo qualcosa di strano nell’informazione italiana sul TAV. Cifre inventate e gonfiate, numeri a caso. Non raccontiamo bugie sui numeri, si dica la verità e non si faccia propaganda.” Peter Gomez#NoTAV

Pubblicato da Fabiana Dadone su Domenica 3 marzo 2019

Peter Gomez, de il fatto Quotidiano spiega bene in questo video come qualcosa di strano stia succedendo nell’informazione italiana sul TAV: cifre inventate e gonfiate, numeri a caso.

Infine anche Berlusconi, che di “balle” se ne intende, non perde il vizio di raccontare fake news.

BASTA MENZOGNE!

BERLUSCONI NON PERDE IL VIZIO!Ennesima bugia sul TAV e su Toninelli. Il Ministro delle infrastrutture vuole il TAV? Falso, perché ancora una volta dichiara il NO del Movimento 5 Stelle sull’opera inutile. Mentre noi investiamo sulle infrastrutture utili per gli italiani, Silvio e amici investono sulle BALLE. 😉 FAI GIRARE!

Pubblicato da MoVimento 5 Stelle su Domenica 3 marzo 2019

Ma la più grande bufale è quella che esisterebbe un fantomatico sondaggio nelle mani di luigi di Maio che darebbe i favorevoli al Tav tra gli elettori del MoVimento 5 Stelle al 70%. Questo sondaggio non solo non esiste, ma è smentito anche dai dati di tre delle più importanti società di sondaggio che indicano la nettà contrarietà degli elettori del MoVimento a questa opera inutile.

Un’altra grande fake news è l’ipotesi di mini TAV. Lo ribadisco, noi non accettiamo alcun tipo di compromesso al ribasso: Tav o mini-Tav fa lo stesso, restiamo contrari a questo enorme spreco di soldi pubblici!

Esiste già una linea ferroviaria merci e passeggeri tra Italia e Francia ed è molto più semplice, economico e sostenibile dal punto di vista ambientale rafforzare la linea esistente. In poco tempo, a differenza del Tav, avremmo una linea moderna e più efficiente, mentre il resto delle risorse potranno essere spese altrove.



FONTE : Fabiana Dadone

Potrebbe interessarti anche: